Gerard Deulofeu, considerato fino a qualche anno uno tra i prodotti pregiati della cantera del Barcellona, è diventato un calciatore giramondo che, ad oggi, non è ancora riuscito a trovare la sua isola felice nonostante alcuni lampi di talento che ha messo in mostra spesso e volentieri.

A gennaio di quest’anno si è accasato al Watford in prestito dal Barcellona, che lo aveva inizialmente scelto come sostituto di Neymar ma, con l’arrivo di Dembelè prima e di Coutinho poi, il suo spazio si è notevolmente ristretto e lui ha accettato la proposta di cominciare una terza avventura in terra inglese:

L’esterno catalano classe 1994 ha parlato oggi al Mundo Deportivo e si è detto felice della sua scelta:

“L’allenatore vuole che resti al Watford, ma devo analizzare tutto e prendere una decisione in maniera tranquilla”.

Dopo la fine della sua seconda esperienza in Premier League con l’Everton esattamente un anno e mezzo fa (la prima l’aveva vissuta durante la stagione 2013/14, tra le due aveva trascorso anche un anno in prestito a Siviglia), Geri aveva scelto il Milan, con cui era riuscito a guadagnarsi un ambitissimo posto in nazionale dopo 17 partite e 4 gol messi a segno in rossonero.

I rossoneri però, in profondo cambiamento finanziario e a livello di rosa, avevano scelto di non trattare ancora con i blaugrana dopo la fine del prestito secco del nativo di Riudarenes, che dopo 10 partite giocate con la camiseta rossoblu tra settembre e dicembre, era stato ancora una volta messo in vendita dai catalani.

Ancora una volta si avvicina la fine della stagione e Deulofeu è, come al solito, uno tra i calciatori più chiacchierati in ottica mercato, con il Barcellona che potrebbe ancora una volta farlo tornare alla base, ma lui, stavolta, sembra avere le idee più chiare:

“Non so se tornerei al Barcellona, mi hanno prestato quando avevo deciso di andare via, è chiaro che non penso minimamente di tornare”.

Giuseppe Lopinto