Con Paul Pogba che probabilmente entro il fine settimana cambierà casacca per la prima volta dopo tre anni di bianconero, la Juventus va verso quello che potrebbe essere l’ultimo colpaccio del suo mercato strabiliante estivo. La faraonica plusvalenza maturata dall’imminente cessione del francese infatti servirà, oltre che a finanziare l’arrivo di Gonzalo Higuaín, anche ad acquistare un valido sostituto dell’ormai prossimo ex numero 10.

Qualche giorno fa vi avevamo già parlato di possibili sostituti. Con il cambiamento di alcune situazioni (ad esempio l’acquisto definitivo di André Gomes da parte del Barcellona, con il conseguente mal di pancia di Rakitić), sono cambiati anche gli obiettivi della Juve. Chi sono quindi i centrocampisti presi di mira da Marotta e Paratici?

Partiamo proprio da Rakitić: il croato, con la sua esperienza e il suo indubbio talento, rappresenta il vero e proprio sogno proibito della Vecchia Signora, un nuovo investimento per l’obiettivo Champions League. Ivan sa bene come si vince, avendo tra l’altro segnato in finale proprio contro la Juventus, e il battibecco con i blaugrana per il mancato adeguamento del contratto e per l’arrivo di un nuovo concorrente a centrocampo (Gomes appunto) potrebbe spingerlo verso altri lidi.
Il vero problema sta però nella valutazione del cartellino: per lasciar partire Rakitić il Barcellona potrebbe chiedere almeno 50 milioni, cifra altissima per la Juventus visti i molti investimenti fatti finora.

Questo sta spingendo perciò Marotta a valutare altri profili più abbordabili: i principali obiettivi, da questo punto di vista, sono Moussa Sissoko e Blaise Matuidi.
Del primo avevamo già parlato nel precedente articolo dei papabili sostituti di Pogba: il centrocampista è attualmente del Newcastle, nella seconda divisione del calcio inglese, e potrebbe voler squadre di più alto profilo, visto anche il buon Europeo disputato. Attenzione però che su di lui incombe anche il Real Madrid, che vuole rifarsi dopo la beffa André Gomes.

Matuidi è invece un nome nuovo: il mediano mancino del PSG, considerato incedibile fino a poco tempo fa, è entrato da poco nel turbinio del calciomercato, dopo che il suo nuovo allenatore Unai Emery non ha chiuso totalmente alla possibilità di cessione. Da tenere conto anche il fatto che Matuidi, proprio come il suo connazionale, è seguito da Mino Raiola, che ha proposto il suo assistito alla Juve: una sorta di “risarcimento” per lasciar partire Pogba?

Resta in stallo la situazione di Nemanja Matić: il serbo piace alla Juve, ma Antonio Conte fa muro contro la sua ex squadra, rendendo difficile l’acquisto del centrocampista del Chelsea.
Sullo sfondo, infine, Axel Witsel, che non nasconde di certo la sua voglia di lasciare lo Zenit, ma che vorrebbe squadre di maggior livello rispetto all’Everton con cui i russi hanno già chiuso un accordo per la cessione del belga, e Héctor Herrera, messicano del Porto. Questi due nomi non sembrano convincere molto la Juventus, che li tiene per ora solo come alternative in caso di fallimento degli altri colpi.

Slegata dalla “corsa” al posto di Pogba, ma senza dubbio da segnalare, è anche la possibile trattativa tra i bianconeri e il Real Madrid per il prestito di Mateo Kovačić, che rappresenterebbe una possibilità in più per Allegri per allungare la partita in vista dell’assalto alla coppa dalle grandi orecchie.

di Luca Tantillo

Juve