Lucas Verissimo non sarà un giocatore del Torino. L’agente del giocatore Marcos Ribeiro lo ha confermato oggi, addossando la colpa del fallimento alla dirigenza del Santos.

Era tutto fatto, avevamo già accettato l’offerta – ha detto – ora Lucas ha perso il suo affare e voglio proprio vedere chi soddisferà le richieste del Santos. Dei 10 milioni totali, ne avremmo ottenuti 1,5 noi e 8,5 il Santos; eravamo anche pronti ad abbassare la nostra quota, ma non è bastato. Oltretutto è impossibile avere una riunione con il presidente Peres, ogni settimana dice di avere impegni e intanto il tempo passa“.

Il 22enne difensore centrale brasiliano era uno dei grandi obiettivi del calciomercato torinista per quest’estate. Il gioco al rialzo del Santos, invece, ha fatto saltare un affare che sembrava praticamente fatto da giorni, costringendo il Torino a virare su altri obiettivi per regalare a Walter Mazzarri un importante rinforzo in difesa per la prossima stagione.

Quando la dirigenza granata non ha ricevuto risposta dal presidente Peres per una decina di giorni, ha deciso di cambiare aria. Non a caso sono arrivati Izzo dal Genoa (8 milioni) e Bremer dall’Atletico Mineiro (5 milioni), reinvestendo il denaro destinato al Santos.

Verissimo ha sempre giocato nelle giovanili del Santos, debuttando in prima squadra nel 2016. Tra i prospetti più interessanti nel settore difensivo, ha giocato 14 partite e messo a segno una rete in Coppa Libertadores. Dal Santos arrivano anche Dodò, ex Inter ora in prestito alla Sampdoria, e Gabigol, prestato all’Inter fino a dicembre 2018.

Al Torino, che conta ben 8 difensori centrali, servono ancora un terzino destro e un esterno sinistro. Urbano Cairo ha già speso oltre 44 milioni di euro per rifondare la squadra, reduce da un deludente nono posto e lontanissima dall’Europa. Oltre a Izzo e Bremer, l’unico acquisto di peso è stato il giovane Meitè dal Monaco (10 milioni); sono stati anche riscattati Niang (12 milioni al Milan), Rincon (6 milioni alla Juventus), e N’Koulou (3,5 milioni al Lione).

Il Toro ha dovuto fare a meno, per il momento, soltanto di Barreca, ceduto al Monaco per 12 milioni, e del portiere Gomis, alla Spal per 1,5 milioni.

Stefano Francescato