Non avete potuto seguire tutte le partite della Serie A? Volete confrontarvi con il nostro metro di giudizio? Oppure, semplicemente, vorreste avere un quadro generale di ogni giornata della serie A? Allora questa rubrica fa davvero per voi!

Continua l’appuntamento settimanale riguardante la Serie A e quelli che sono stati, secondo me, i migliori ed i peggiori giocatori della giornata. Se avete perso la giornata precedente e volete dare un’occhiata, cliccate qui.

 

Una giornata che va commentata quasi singolarmente: il Torino riesce a strappare un punto al Sassuolo, fra le squadre più in forma del campionato; l’Atalanta, dopo un’ottima partita in Champions League, cade ancora una volta in campionato, contro la Sampdoria; torna alla vittoria la Fiorentina, con 3 punti che aiutano e non poco Iachini; pareggiano Juve e Milan ( la prima spreca punti con il Verona, mentre la seconda si vede rubare punti sotto al naso causa cattivo arbitraggio ); chiudono con vittoria, invece, Napoli, Lazio, Inter e Crotone. Ma ora, vediamo subito la mia top 11:

Ed i 3 giocatori migliori:

3. JAKUB JANKTO

Pazzesca la prestazione del centrocampista contro una grandissima avversaria come l’Atalanta. Prima, fornisce un fantastico assist a Thorsby, con un cross che salta tutta la linea difensiva bergamasca. Poi, dopo la paura di un possibile ritorno dell’Atalanta, da il là al contropiede, consegna la palla a Keita e poi, su assist del Senegalese, fredda Sportiello e chiude la partita.

Voto: 7.5. #Decisivo

 

2. Rafael Leão

Lo ammetto: fino all’ultimo, ho pensato che fosse Ibrahimovic a meritare di entrare nella mia top 11 e 3. O meglio, quasi fino all’ultimo: Dopo ” l’errore ” dove Ibra non è riuscito ad allontanare quello che è diventato il pallone del pareggio giallorosso, ho cambiato le carte in regola e premiato Leao. Il Portoghese è autore di ben 2 assists: pronti, partenza, via e dopo appena 2 minuti un cross di Rafael permette allo Svedese di segnare. Poi, con un dribbling veloce e fulminante, salta Karsdorp e consegna la palla a Saelemaekers, il quale deve solo segnare davanti al portiere. Insomma, bella la doppietta di Ibra ma l’apporto di Leao è stato decisivo e fondamentale, soprattutto con gli strappi.

Voto: 8. #Imprendibile

 

1. GAETANO CASTROVILLI

Ormai, è da un paio di mesi che sta dimostrando a tutti il prezioso talento che possiede. In questa partita, però, si è superato e ha sorpreso tutti ( Iachini compreso, conoscendo la sua situazione ). È lui a sbloccare subito il match, facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto. Poi, cross morbido per Milenkovic e subito 2-0 per i Fiorentini. Infine, dopo aver avviato il contropiede, finta il tiro, mira al palo più lontano e segna il momentaneo 3-1. In un momento scuro delicato per la Fiorentina, un barlume di speranza.

Voto: 9. #Salvatore

 

Passiamo, ora, ai peggiori della giornata:

Ed ai flop:

3. CIPRIAN TATARUSANU

Dopo la bruttissima notizia riguardante Donnarumma, Pioli è stato obbligato a schierare Tatarusanu, vice di Gigio. Dopo diversi anni in Francia, il suo ritorno in Italia non è stato dei migliori: tolte alcune uscite, buone ma oggettivamente molto semplici ( anche se spesso è sembrato insicuro ), la sua prestazione si basa tutta sul suo grave errore: al 14′, esce in maniera scomposta sul cross dall’angolo e, mancando il pallone, permette a Dzeko di segnare a porta vuota. Prestazione da dimenticare per il portierone del Milan, soprattutto in una serata importante come questa.

Voto: 5. #Maltornato

 

2. Fabio Depaoli

La sua presenza sul podio è indice di prestazioni molto discutibili. Schierato come esterno di centrocampo a destra, si fa trovare spesso fuori posizione in occasione delle marcature avversarie. In più, sbaglia diversi appoggi, mettendo in seria difficoltà i compagni. A gravare sulla sua prestazione, inoltre, è come Depaoli fosse stato presente anche nella partita contro il Napoli, dove i Bergamaschi sono stati umiliati dal Napoli. Coincidenza? Chissà.

Voto: 4.5. #Amuletoportasfortuna

1. Kevin Lasagna

Se da un lato vediamo un portiere che non ha parato, dall’altro vediamo un attaccante che non ha segnato. Il vero problema di questo giocatore è che non sia ancora riuscito a sbloccarsi in questo campionato, collezionando 5 presenze e 0 reti/assists. Poco presente in avanti e, quando c’è, spreca clamorosamente tutto.

Voto: 4. #Nonpervenuto

Termina qui la rubrica dei Top&Flop della quinta giornata di Serie A. Al prossimo appuntamento!