RIo Mavuba si accasa allo Sparta Praga, dopo essere stato messo alla porta dal nuovo allenatore del Lilla Marcelo Bielsa. A nulla è valso indossare la fascia di capitano contro un allenatore famoso per le sue decisioni imprevedibili.

Il centrocampista ha firmato un contratto fino al 2020 con la squadra ceca, allenata da maggio da Andrea Stramaccioni. Dopo nove anni, il giocatore francese sceglie di chiudere la carriera all’estero, cacciato dal tecnico più pazzo del panorama mondiale, che non ha esitato a metterlo alla porta nonostante nove anni di onorato servizio. I francesi salutano a costo zero una delle bandiere della storia moderna del club, descrivendolo come “un simbolo”.

Mavuba, 33 anni, congolese ma francese d’adozione, era approdato a Lilla nel 2008 per 7 milioni dal Villarreal, dopo sei mesi di prestito iniziale costati 0,5 milioni. Cresciuto nelle giovanili del Bordeaux, era stato ceduto agli spagnoli l’anno precedente per 8 milioni. Con i biancorossi ha vinto una Ligue 1 e una Coppa di Francia, lo storico “double” del 2011 sotto la guida di Rudi Garcia. Nella Nazionale francese dal 2004, ha giocato gli ultimi Mondiali con i bleus. Lascia dopo 369 presenze e 5 reti, con un valore di mercato di appena 1 milione.

Stefano Francescato