“La fine di un’era”, “La fine della Roja”. Così pochi giorni fa la stampa spagnola commentava l’eliminazione della Spagna da Euro 2016 ad opera di una super Italia. Pare essersi concluso un ciclo dopo due europei consecutivi vinti ed il primo mondiale conquistato nel 2010. L’amara eliminazione dagli Europei ha portato come ovvia conseguenza le dimissioni dell’ormai ex ct della Spagna Vicente Del Bosque. Decisione maturata sin dalle primissime ore dopo la sconfitta per 2 a 0 contro gli azzurri. La Federazione spagnola ha comunque chiesto a Del Bosque di non dimettersi prima del 15 luglio, in modo da poter avere il tempo di mettere sotto contratto il sostituto ed annunciarlo in contemporanea all’addio dello stesso Del Bosque. Tra i favoriti a prendere le redini della Spagna ci sono attualmente Paco Jemez, Joaquín Caparros e Josè Antonio Camacho.

La sconfitta contro l’Italia ha di fatto accelerato le dimissioni di Del Bosque, il quale però maturava già da tempo questa decisione. Già un anno fa aveva infatti dichiarato: Penso di ritirarmi dopo Euro 2016. In questa vita non si può essere certi di nulla, ma al momento credo che niente potrà farmi cambiare i piani”. Decisione sofferta ancora di più dopo l’esito negativo di questi Europei spagnoli. Tempo ancora fino al 15 luglio per porre fine a questo ciclo e iniziarne un altro ancora più vincente.

Christian Travaini

Del Bosque