Tanti giocatori in scadenza a giugno 2019 in Serie B. Da Falzerano ad Aleesami: le squadre impegnate per non perdere i loro gioielli a pochi euro a gennaio.

Grandi manovre nella serie cadetta. Dopo aver scongiurato lo spettro dei ripescaggi, i club di serie B si apprestano ad impostare il mercato il gennaio. Mercato che offre molte occasioni per chi ha sempre visto nella seconda divisione nazionale, il campionato della crescita e delle opportunità. Logico che i club inizino a definire prima chi ha il contratto in scadenza a giugno 2019, onde evitare di perdere patrimoni societari a pochi euro, già in questa sessione di mercato. Proviamo a fare un giro tra questi nomi.

Se partiamo dalla capolista, già troviamo 4 nomi interessanti: Aleesami, Jajalo, Rispoli e Struna. Gente da serie A che Zamparini, da un lato vorrebbe trattenere per riconquistare subito la massima serie e dall’altro, vendere per raggranellare qualche euro. Possibile che un paio di questi (Rispoli e Aleesami?), possano anticipare l’uscita, mentre Jajalo va verso il prolungamento. Struna è un discorso ancora aperto su tutti i fronti.

Nel Pescara, Campagnaro sembra avviato ad un rinnovo “a vita”, nel senso che dovrebbe terminare lì la carriera, salvo sorprese, mentre Cocco potrebbe andare a scadenza. Stessa sorte, sembra, per Gabriel. L’ex-portiere del Milan, che sostiene le speranze promozione di Nesta e di tutta Perugia, non sembra destinato al rinnovo. A Crotone ci sono ben 5 nomi interessanti: Barberis, Rohden, Sampirisi, Simy e Stoian. Tutti destinati al rinnovo, salvo offerte allettanti.

A Venezia si concentra lo stock maggiore. Falzerano, Zampano, Bentivoglio e Domizzi i top, ma anche: Andelkovic, Fabiano, Marsura, Geijo, Cernuto e Garofalo. A Verona si va per il rinnovo di Grosso, mentre si dovrà decidere per Cherubin, Bianchetti e Lorenzo Ferrari. Rimane in sospeso Mazzocco a Padova, 23 anni (2 gol in 5 partite), mentre a Cremona: Paulinho, Piccolo, Croce e Dos Santos.

Le prossime otto giornate daranno una fisionomia alla classifica per la quale le contendenti avranno più chiare le loro necessità. Nel frattempo si continua a lavorare sotto traccia per evitare di alzare la pressione in certe piazze.

A cura di Fabio Casalucci  @FabioCasalucci

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI