Antonio Sanabria si dice contento e appare molto motivato per la sua nuova avventura italiana

Dalle parti di Genova, sembra tirare una buona aria, quest’anno, per i centravanti. Lo ha potuto constatare la Sampdoria con Quagliarella, lo ha confermato il Genoa con Piatek prima e, adesso, con Antonio Sanabria.

Il nuovo numero 9, infatti, è arrivato nel mercato di gennaio proprio per sostituire il polacco (partito in direzione Milan dopo soli sei mesi), ma non ha certo deluso le attese. Sono già due, i gol messi a segno dall’attaccante ex Betis Siviglia in altrettante partite giocate.

Numeri che stupiscono, ma neanche troppo. Le qualità del classe ’96 sono ben note da tempo, tanto che la Roma aveva deciso di scommettere su di lui qualche anno fa, acquistandolo dalle giovanili del Barcellona.

Tuttavia, il giovane centravanti non ha mai trovato grande spazio, al contrario di quanto, appunto, gli sta accadendo in rossoblù.

Anche per questo, forse, Sanabria si è detto molto felice di questa nuova esperienza, di cui ha parlato anche a Radio Momumental:

Sto molto bene a Genova, e poi è stato un debutto da sogno: ho segnato al primo pallone toccato”.

Inoltre, Antonio – detto Tonny – ha rivelato una particolare clausola nel contratto che lo lega alla squadra di Preziosi:

Il Genoa ha l’obbligo di riscatto nel caso in cui dovessi segnare 9 gol nel giro di sei mesi, o 18 nell’arco dell’anno solare”.

Un motivo in più, insomma, per continuare su questa strada e meritarsi la permanenza. Ma la domanda sorge spontanea: siamo sicuri che nessuno abbia già messo gli occhi su di lui?

A cura di Samuel Giuliani (9Giuliani)