Inter – Sampdoria è stata anche la partita di Patrik Schick. Il gioiello attualmente in forza alla Sampdoria, in futuro potrebbe vestire la maglia dei nerazzurri che lo seguono da molto vicino.

Uomo decisivo

Intanto però l’attaccante ceco ha dato il primo dispiacere all’Inter, segnando la rete del momentaneo 1-1 e andando a ripagare la grande fiducia di Giampaolo, che ha puntato subito su di lui per sostituire l’infortunato Muriel. Un goal abbastanza semplice, costruito dalla splendida torre di testa di Silvestre, che però va a coronare una prestazione complessiva di alto livello, a conferma del suo grande talento. Infine il capitano Quagliarella, freddo dal dischetto per siglare la rete del definitivo 1-2, ha permesso alla Sampdoria di tornare a vincere in casa nerazzurra dopo 21 anni.

Schick non si muove

A fine gara sono arrivare anche le parole di Daniele Pradè, direttore sportivo della Sampdoria, che ha confermato l’intenzione della società di tenere ancora a lungo il gioiello ceco Schick.

“Vincere questa gara è stata una grande soddisfazione. Siamo diventati una squadra con un’identità precisa, che gioca a pallone anche con squadre più blasonate. Il mercato di Schick? Non solo lui ha fatto bene, ne abbiamo tanti bravi e a noi fa solo piacere. Sappiamo cosa fare e dove dobbiamo migliorare. Schick gioca nella Sampdoria e noi vogliamo andare avanti con lui: può soltanto migliore con noi”.

Il ds blucerchiato si sofferma anche sulla sinergia di mercato con l’Inter, che negli scorsa anni si è riproposta più volte. “Il mercato con l’Inter? Abbiamo un ottimo rapporto, ma ad oggi non abbiamo mai parlato di nessuna situazione di mercato”.

di Valerio Pennati (Twitter @ValerioPennati)

PER TUTTE LE NOTIZIE E GLI AGGIORNAMENTI, SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

@p_schicky