Roma

La Roma vince a Genova, sul difficilissimo campo della Sampdoria, con una rete di Daniele De Rossi. Una boccata d’aria fresca per i ragazzi di Ranieri, che vivono un momento particolarmente complicato, soprattutto dal punto di vista degli infortuni. Quello subito ieri sera da Karsdorp, infatti, è solo l’ultimo di una lunghissima serie di guai muscolari che hanno afflitto i giallorossi.

Giocatori passati già 45 volte per l’infermeria: cosa succede a Roma?

I numeri parlano chiaro: 45 infortuni muscolari in una singola stagione (peraltro ancora in corso) non sono pochi. Anzi. Chi ha provato a spiegare le cause di questa situazione, però, non ha dato la colpa alla preparazione: ”Non esiste solo un motivo: l’infortunistica è una questione multi-fattoriale”. Parola di Paolo Rongoni, ex preparatore atletico della Roma (oggi al Marsiglia con Garcia), che si è concesso ai microfoni del corrieredellosport.it.

Dare la colpa a una preparazione estiva sbagliata mi sembra più una chiacchiera da bar che una analisi tecnica adeguata. A nove mesi di distanza, quello che hai fatto nella preparazione non conta nulla. Già da Natale tutto quel lavoro è sparito. Il problema sicuramente non è lì”, ha sentenziato Rongoni.

Nonostante gli infortuni, però, la squadra ha dimostrato di saper reagire

La situazione non facile ha favorito però una responsabilizzazione da parte dei giocatori, che nella partita contro la Samp hanno dimostrato chiaramente di non voler mollare. La Champions è ancora lì ad un passo e questo è probabilmente il fattore che più tiene vive le speranze della Roma.

E così, nelle sette partite che mancano, i giallorossi dovranno appellarsi alla loro voglia di rivalsa per salvare una stagione iniziata male e continuata peggio, ma che tutto sommato può ancora concludersi decentemente.

Samuel Giuliani