Stephan El Shaarawy vuole continuare la sua carriera in giallorosso e la Roma vuole continuare insieme al Faraone. Questo filtra dalla società capitolina.

L’esterno romanista, arrivato nel mercato invernale del 2016, ha avuto molti alti e bassi da quando è nella capitale, ma adesso sembra essere rinato definitivamente o comunque sembra aver trovato la continuità che ha sempre cercato. Proprio la continuità è sempre stata un punto debole di El Shaarawy. Il classe ’92 infatti, all’inizio della sua carriera, era considerato uno dei talenti più puri d’Europa, poi però qualcosa si è inceppato. Il Faraone era molto discontinuo e spesso non incideva sulle partite come si sperava. Anche per questo il trasferimento al Monaco, dove comunque non è risultato all’altezza delle aspettative. Poi la chiamata della Roma. Nonostante gli anni non esaltanti, la società giallorossa, a gennaio 2016, ha deciso di puntare su di lui. I primi sei mesi sono stati molto buoni, tant’è che la squadra capitolina lo ha riscattato. La stagione successiva, complice anche una fortissima alternanza con Perotti, il Faraone sembrava essersi un po’ perso: alternava ottime prestazioni, a prestazioni decisamente sottotono per uno con le sue qualità.

Arrivano quindi le prime offerte per El Shaarawy, ma lui le ha sempre rifiutate, convinto di voler dimostrare il suo vero valore in giallorosso. Così anche la Roma ha deciso di continuare a puntare su di lui. Nulla è cambiato anche nella passata finestra di calciomercato. A Trigoria sono arrivate molte richieste per l’esterno romanista e tutte sono state rispedite al mittente. Come dichiarato da Stephan stesso qualche settimana a Roma TV, lui è molto felice nella capitale, ha trovato la sua dimensione ideale e non ha alcuna intenzione di andare via. Ecco dunque che la dirigenza giallorossa sta pensando di blindare uno dei pochi protagonisti in positivo di questo avvio di stagione. Monchi sembra essere pronto a discutere del prolungamento del contratto del Faraone fino al 2022 con corrispettivo adeguamento. Il classe ’92 quest’anno sembra essere rinato, non solo con prestazioni convincenti, ma anche e soprattutto a livello caratteriale. Il ragazzo di 26 anni sembra aver raggiunto una maturità che gli permette di giocare con continuità (7 gare su 10 in campionato giocate da titolare) e di trovare continuità anche durante la partita. Due componenti per nulla scontate per un giocatore come lui, anche i 3 gol in campionato, che lo rendono il capocannoniere giallorosso, sono una dimostrazione di questa crescita.

Le parti ancora non si sono incontrate, ma viste le ottime prestazioni di El Shaarawy e la volontà espressa negli anni, la trattativa per il rinnovo non sembra complicata. La Roma intende puntare ancora sul Faraone, forse definitivamente maturo.

Tommaso Prantera (@T_Prantera)