Marco Ruben

La fase a gironi della Copa Libertadores si è conclusa, la competizione tornerà a luglio dopo la Copa America e nel mentre stiamo assistendo al 2° turno della Copa Sudamericana, ma non solo: le ultime settimane di maggio ci mettono di fronte alla Recopa Sudamericana, la supercoppa del continente che mette di fronte la vincitrice di Libertadores (River Plate) e Sudamericana (Athletico Paranaense) in un doppio confronto andata e ritorno. Si parte col match dell’Arena da Baixada di Coritiba, casa del Furaçao, che in questo stadio ha demolito il Boca Juniors grazie a uno strepitoso Marco Ruben: i brasiliani si ripeteranno, in una sfida giocata a ritmi altissimi, che lascia però tutto aperto per il grande ritorno del 31 maggio (h. 2.30 italiane) al Monumental.

Tiago Nunes schiera i suoi col consueto 4-1-4-1: Santos in porta, Jonathan, Paulo André, Leo Pereira e Renan Lodi in difesa, Wellington schermo davanti alla difesa, Nikao, Bruno Guimaraes, Lucho Gonzalez e Rony a supporto dell’argentino Marco Ruben, che ha giocato un anno proprio nei Millonarios prima di essere ceduto al Villarreal e iniziare la sua lunga carriera al di fuori dell’Argentina. Gallardo risponde col 4-3-1-2, e con Nacho Fernandez sulla trequarti a certificare la sua ”nuova” maglia numero 10, ereditata temporaneamente finchè non rientrerà Quintero, che sarebbe il vero diez del club: Armani; Mayada, Martinez Quarta, Pinola, Casco; Palacios, Enzo Perez, De La Cruz; Nacho Fernandez; Suarez, Pratto. Suarez, Armani, Casco e Palacios festeggiano con la maglia da titolare la loro convocazione nei 23 della Copa America.

L’Athletico-PR parte subito a fortissima velocità, e dopo 7” sfiora il gol: tiro di Lucho e grande parata di Armani. De La Cruz reagisce per il River, senza impensierire Santos, ma è meglio l’Athletico-PR: Nikão ha due occasioni per segnare, e in una delle due salta il portiere, salvo poi sbagliare tutto nell’assist per Ruben. La sfida si sblocca al 28′: Rony effettua un intelligente assist da dentro l’area per Marco Ruben, che anticipa i difensori ed è implacabile: Armani è battuto, l’Athletico-PR va avanti 1-0 e deve difendersi dal rientro del River Plate. De La Cruz risponde subito per i Millonarios, e a inizio ripresa un tiro deviato di Matias Suarez termina a lato di pochissimo. Il Furaçao però non sta a guardare, e prova a chiudere i giochi in ripartenza: Armani salva sul possibile 2-0 di Renan Lodi, ed è reattivo sul colpo di testa di Bruno Guimaraes. Da qui inizia la sagra dei tiri a giro di Nikão: uno termina a lato, un’altro viene spizzato da Armani e deviato in corner. Paradossalmente ha più chances di raddoppiare l’Athletico-PR, che chances di pareggio il River, e i Millonarios restano anche in dieci: espulso Casco all’81’. Ora il River Plate dovrà rimontare nel ritorno casalingo, altrimenti la Recopa Sudamericana volerà in Brasile.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.