All’Allianz Arena, è meno facile del previsto per il Bayern Monaco, che controlla la gara ma suda e soffre per mantenere il 0-0 contro il Siviglia, e si guadagna le semifinali di UEFA Champions League.

Jupp Heynckes, privo di Arturo Vidal, si presenta con il solito 4-1-4-1, con Robert Lewandowski unica punta e  Arjen Robben e Franck Ribery sulle fasce. Dall’altra parte, Vincenzo Montella prova a riaprire la qualificazione con un 4-2-3-1 che vede, come unica punta, il bomber di Champions Wassim Ben Yedder; a supportarlo, Pablo Sarabia, Franco Vazquez e Joaquin Correa.

I bavaresi, però, partono subito forte, con una punizione di James Rodriguez che sfiora la traversa. Poco dopo, tocca a Robben e Lewandowski impegnare in ben due occasioni il portiere dei Rojiblancos, David Soria. Il primo squillo degli andalusi arriva al ’12, con Sarabia che spara alto da fuori area; intorno alla mezz’ora, grandissima occasione sprecata da Sergio Escudero, che manca il gol da pochi passi. Nel finale del primo tempo, torna prepotentemente in avanti il Bayern, con Mats Hummels che sfiora il gol di testa e Ribery che ci prova da fuori.

Nella ripresa, i Roiten continuano ad amministrare la gara e impegano Soria con Rodriguez e Muller da distanza ravvicinata. Immediata la risposta del Sivigilia, che colpisce una traversa con Correa e sfiora il palo con un missile di Ever Banega. Con il passare dei minuti, però, i bollenti spiriti degli spagnoli si placano e, nel finale, Robben ha due grosse occasioni per archiviare il discorso qualificazione. Da segnalare, al ’90+2, la clamorosa ingenuita di Joaquin Correa, che si fa espellere.

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI