Dopo la pausa per le Nazionali, è tornato il campionato più bello e avvincente del mondo, la Premier League! L’ottavo turno del campionato inglese si è aperto sabato, con l’attesissimo big match di giornata fra Manchester United e Lverpool, terminato 0-0. Nel pomeriggio di sabato, il Manchester City ha continuato la sua marcia inarrestabile, rifilando ben 7 reti allo Stoke City. Cade, invece – clamorosamente – il Chelsea, in casa del Crystal Palace, mentre l’Arsenal viene battuto al ’92 dal Watford. E, ora, vediamo in dettaglio cosa è successo #OltreLaManica.

Liverpool – Manchester United 0-0

Delude il big match di giornata tra Liverpool e Manchester United. Ad Anfield, la squadra di Josè Mourinho dimostra ancora una volta che, quando sa di non poter vincere, fa di tutto per non perdere. Solidità, pochi spazi e poco spettacolo. Queste sono le caratteristiche principali della gara. Come è facile intuire, sono i Reds a fare la gara, ma gli uomini di Jurgen Klopp non riescono mai a trovare i giusti spazi. L’unica occasione degna di nota arriva alla mezz’ora, quando David De Gea compie un vero e proprio miracolo con il piedone su tiro di Roberto Firimino. I Red Devils, invece, ci provano con il solito Romelu Lukaku ma Simone Mignolet ci mette una pezza. Nella ripresa, si gioca solo ed esclusivamente nella metacampo dello United, con il Liverpool che, però, non riesce mai a concretizzare. #ParkTheBus

Burnley – West Ham United 1-1

Il Turf Moor si conferma ancora una volta un fortino inespugnabile: infatti, il West Ham United viene fermato sull’1-1 dal Burnley. Gli Hammers partono subito forte e, al ’19, sbloccano la gara con Michail Antonio: l’esterno dei londinesi raccoglie un lunghissimo lancio di Joe Hart, involandosi verso la porta e saltando anche il portiere avversario. Tra il ’25 e il ’27, però, accade l’evento che cambierà la gara: Andy Carroll, in meno di 90 secondi, si guadagna due cartellini gialli, lasciando i suoi compagni in 10 per più di un’ora. Con il passare dei minuti, la supremazia numerica dei Claret si fa sentire, e i gallesi colpiscono un incredibile palo con Johan Gudmusson. Il pressing porterà i suoi frutti all’85, quando Gudmusson trova Chris Wood in area di rigore, il quale colpisce di testa non lasciando nessun scampo al portiere degli Hammers. #Inespugnabile

Gabriel Jesus, 20 anni: doppietta per lui contro i Potters.

 Manchester City – Stoke City 7-2

Spettacolo all’Etihad Stadium: il Manchester City si impone con un netto 7-2 sullo Stoke City. Gli uomini di Pep Guardiola vincono e convincono, dimostrando di giocare quello che, al momento, è il miglior calcio d’Europa.  In 8 giornate, 30 gol fatti e solo 4 subiti: numeri da Playstation. La partita non ha storia fin da subito, con i Citizens che prendono in mano la gara non lasciando alcuno spiraglio ai Potters e, in 27 minuti, si trovano sul 3-0: prima, servito da Kyle Walker, la sblocca Gabriel Jesus al ’17; due minuti più tardi, con un’azione speculare alla precedente, Leroy Sané serve Raheem Sterling che, a porta vuota, non può sbagliare; poi, arriva il terzo gol, con lo spagnolo David Silva. Sul finale del primo tempo, gli ospiti trovano il gol della speranza con Mame Diouf, il cui tiro, deviato da Fabian Delph, inganna Ederson. Ad inizio ripresa, lo Stoke trova incredibilmente il gol che riapre la gara, con Walker che devia nella propria porta un cross dalla destra. A quel punto, gli Skyblues salgono in cattedra e chiudono la gara: sull’ennesimo assist al bacio di Kevin De Bruyne, arrivano il gol di Gabriel Jesus, a cui seguono il missile terra-aria di Fernandinho, il gol di Leroy Sané e la rete di Bernardo Silva. City, quindi, in fuga solitaria. #MareForza7

Swansea City – Huddersfield Town 2-0

Al Liberty Stadium, lo Swansea City si impone 2-0 sull’Huddersfield Town. In un primo tempo equilibrato e con due squadre concentratissime, l’unica emozione arriva al primo errore, quando Jonas Lossl sbaglia a rinviare, servendo Tammy Abraham che mette in mezzo per Thomas Carroll, il quale, da pochissimi metri, non può sbagliare. Ad inizio ripresa, è lo stesso Tammy Abraham a chiudere i conti e regalare 3 punti ai Cigni. Sul finale, i gallesi sfiorano anche il tris, con l’incredibile traversa colpita da Elias Kachunga. #IlVoloDeiCigni

Tottenham Hotspur – Bournemouth 1-0

Finisce il tabù Wembley Stadium per il Tottenham Hotspur! I londinesi, infatti, si impongono, non senza fatica, sul Bournemouth, ottenendo la prima vittoria casalinga della stagione. La prima vera occasione della gara, però, ce l’hanno le Cherries: al ’22, Lewis Cook  colpisce di testa, obbligando Hugo Lloris al miracolo. Il go che decide la gara, però, arriva ad inizio ripresa, con un tiro dal limite di Christian Eriksen che libera il suo sinistro e manda la palla nell’angolino basso. Vittoria fondamentale per gli Spurs, che non perdono il treno del duo di testa. #SpiritoDiSacrificio

Crystal Palace – Chelsea 2-1

Clamoroso a Selhurst Park: il Crystal Palace batte il Chelsea campione d’Inghilterra, segnando i primi gol e guadagnando i primi tre punti della stagione. Per la squadra di Antonio Conte, pesano le assenze di Alvaro Morata e N’golo Kanté. Le Eagles trovano il vantaggio al ’12, quando Cesar Azpilicueta devia la palla nella propria porta un tiro di Christian Benteke, ingannando Thibaut Cuortois. Il pareggio dei Blues, però, è immediato, con Tiemoué Bakayoko che, su corner, anticipa tutti di testa, battendo il portiere del Crystal. I padroni di casa, però, tornando in vantaggio nei secondi finali del primo tempo, con Wilfried Zaha. Brutto stop per il Chelsea, che rischia di perdere il treno di vetta. #CLAMOROSO

Wilfried Zaha, 24 anni: sua la rete che stende il Chelsea.

Watford – Arsenal 2-1

A Vicarage Road cade l’Arsenal contro il Watford, venendo beffato allo scadere. I Gunners partono subito forte, e trovano il vantaggio sul finire del primo tempo, grazie a Per Mertesacker, che stacca di testa su un calcio d’angolo anticipando tutti. Ad inizio ripresa, i londinesi si divorano il raddoppio e, al ’70, Héctor Bellerin atterra un avversario in area di rigore. Dal dischetto va  Troy Deeney, che non sbaglia. Al ’92, poi, arriva il colpo di grazie: Tom Cleverly calcia al volo da dentro l’area, non lasciando alcun scampo a Petr Cech e regalando tre punti as Watford. Ennesimo passo falso degli uomini di Arsène Wenger. #FinoAllaFine

Birghton – Everton 1-1

Nel pomeriggio di domenica, pareggiano Brighton e Everton all’Amex Stadium. Partita molto equilibrata fra le due formazioni, con diverse occasioni da entrambe le parti. La parte più calda della gara, però, si gioca negli ultimi 10 minuti: all’82, i Seagulls passano in vantaggio grazie a Anthony Knockaert, che si fra trovare pronto su una respinta del portiere. Per i Toffees sembra essere finita nel peggiore dei modi ma, clamorosa ingenuità di Bruno Saltor, che atterra un avversario in area di rigore. Dal dischetto va il solito Wayne Ronney che, con la freddezza di un cobra, sigla il pareggio proprio al ’90. #MenoMaleCheWazzaC’è

Wayne Rooney, 32 anni: suo il rigore che regala il pareggio all’Everton.

Southampton – Newcastle United 2-2

Pareggio anche al St. Mary Stadium, dove il Southampton soffre ma riagguanta per ben due volte il Newcastle United di Rafa Bentiez. La gara si sblocca subito al ’20, quando Isaac Hayden  risolve una mischia in area di rigore portando avanti i Magpies.  Timida la reazione dei Saints che, fino alla fine della prima frazione, non creano particolari pericoli. Però, ad inizio ripresa, Manolo Gabbiadini trova il gol del pareggio con un bellissimo tiro dal limite (’49). La gioia, però, dura poco è, meno di due minuti più tardi, i bianconeri tornano in vantaggio: Ayoze Perez entra in area e conclude a rete, trovando la respinta del portiere; sulla ribattuta, si fa trovare pronto e insacca il pallone. Al ’75, i Saints si guadagnano un calcio di rigore e, il solito Gabbiadini, firma il pari. I Magpies, al ’90, hanno un’altra occasione per tornare in vantaggio, ma il colpo di testa di Florian Lejeune viene salvato all’ultimo da un difensore. #ItaliansDoItBetter

Leicester City – West Bromwich Albion 1-1

Pareggio anche nel Monday Night, dove il West Bromwich Albion viene fermato sul’1-1 al King Power Stadium dal Leicester City. Le Foxes partono subito forte, costringendo in diverse occasioni Glyn Oliver Myhill agli straordinari: prima, blocca un gran tiro da fuori di Danny Simpson, poi nega la gioia del gol con una gran parata su Harry Maguire. Alla prima vera occasione, però, gli Albions passano: Nacer Chadli, al ’63, calcia una stupenda punizione e manda il pallone dove Kasper Schmeichel non può arrivare. La gara sembra finita ma, all’80, Riyad Mahrez conclude alla perfezione uno splendido contropiede, che permette alle Foxes di agguantare il pareggio. #LaFuriaAlgerina

Curiosità

Sabato contro il Chelsea, Christian Benteke ha siglato il primo gol in Premier League della stagione del Crystal Palace. Il digiuno durava da ben 731 minuti.

Nelle ultime 3 gare, 17 gol fatti per il Manchester City e solo 2 subiti. Una media di 5,6 gol a partita.

Prossimo turno

La Premier League torna il prossimo weekend. Venerdì sera, ci sarà l’anticipo tra West Ham e Brighton. Nella giornta di sabato, aprirà i conti il Chelsea, alla ricerca del riscatto contro il Watford, mentre Manchester United e Manchester City affronteranno rispettivamente Hudersfield e Burnely. Domenica, sfide di lusso fra Everton e Arsenal e Liverpool e Tottenham. Le altre gare: Newcastle-Crystal Palace, Stoke-Borunemouth, Swansea-Leicester e Southampton-West Bromwich.

Classifica

Manchester City 22 pt.; Manchester United 20 pt.; Tottenham 17 pt.; Chelsea, Arsenal, Burnley, Liverpool 13 pt.; Newcastle 11 pt.; West Bromwich 10 pt.; Southampton, Huddersfield 9 pt.; Swansea, Brighton, West Ham, Everton, Stoke 8 pt.; Leicester 6 pt.; Bournemouth 4 pt.; Crystal Palace 3 pt.

 

Per vedere cosa è successo nello scorso turno, clicca qui.

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI