Siamo giunti al giro di boa! Nel weekend di Capodanno è andato in scena il diciannovesimo turno di Premier League, l’ultimo del girone di andata. Tredicesima vittoria consecutiva del Chelsea che, a fatica, batte lo Stoke e non lascia spazio alle inseguitrici. Vincono anche Manchester United e Arsenal, mentre nel big match di giornata, tra Liverpool e Manchester City, i  Reds si impongono al termine di una partita molto scialba. Vince anche il Totteham, trascinato da Harry Kane e Dele Alli, che triturano il Watford di Mazzarri. Vittoria anche per il Leicester di Ranieri che, però, rimane in zona rossa. Ora, vediamo in dettaglio cosa è successo #OltreLaManica.

 

Hull City – Everton 2-2

Si apre con un pareggio l’ultimo turno di Premier League del 2016! Al KC Stadium, Hull City e Everton si fermano sul 2-2, al termine di un match emozionante. Le Tigers, prive dell’ex-Palermo Abel Hernandez, passano clamorosamente in vantaggio dopo 6 minuti: su un corner, arriva la conclusione vincente di Michael Dawson, che batte lo spagnolo Joel Robles. I Toffees le provano tutte per trovare il pari, e ci riescono: nei secondi finali del primo tempo, il portiere scozzese David Marshall devia nella propria porta un corner battuto dalla squadra di Ronald Koeman. La ripresa si apre subito con due belle occasioni, una per parte: prima una traversa di Lukaku, poi quella colpita da Robert Snodgrass su punizione. Al secondo tentativo, però, il centrocampista dell’Hull non sbaglia, e riporta gli uomini di Mike Phelan in vantaggio (’65). L’Everton non molla e, all’84, trova il pareggio grazie a Leighton Baines che, di testa, interviene su un corner di Ross Barkley e sigla il 2-2 finale. Un punto per parte, che non scontenta nessuno. #CatchMeIfYouCan

Burnley – Sunderland 4-1

Perde punti il Sunderland che, a Turf Moor, viene schiantato 4-1 dal Burnley. La squadra di David Moyes, parte subito male: dopo 23 minuti, l’allenatore scozzese è costretto a sostituire il difensore ivoriano Lamine Kone, a causa di un infortunio. Assoluto protagonista dell’incontro, è Andre Gray: al ’31 sfrutta un blackout difensivo dei Black Cats, poi, al ’51 e al ’53, si ripete, non lasciando alcun scampo a Vito Mannone. Il 4-0  dei Claret arriva al ’67, quando Sebastian Larssonn atterra in area Ashley Barnes. Lo stesso Barnes si incarica del tiro, e non sbaglia. Il gol della bandiera giunge al ’71, con il solito Jermain Defoe che sfrutta un bel cross di Januzai. Tra le brutte notizie in casa Sunderland, va segnalato anche l’infortunio di Victor Anichebe. Ottima vittoria, invece, per la squadra gallese, che stacca le rivali per la salvezza. #ThreeShadesOfGray

Willian, 28 anni, esulta dopo il secondo gol siglato contro lo Stoke City. Doppietta per lui in quest'ultimo match del 2016.

Willian, 28 anni, esulta dopo il secondo gol siglato contro lo Stoke City. Doppietta per lui in quest’ultimo match del 2016.

Chelsea – Stoke City 4-2

Tredicesima vittoria consecutiva per il Chelsea! La squadra di Antonio Conte passa 4-2 contro lo Stoke City al termine di un match davvero emozionante. Fin da subito, i Blues hanno il pieno controllo del match. I Potters resistono fino al ’34, quando Gary Cahill sfrutta al meglio un corner di Cesc Fabregas, insaccando di testa alle spalle del portiere. Ad inizio ripresa, lo Stoke, però, trova il pari: alla prima occasione, Peter Crouch lancia Bruno Martins Indi che, da solo davanti a Courtois, non sbaglia. Ai Blues bastano 10 minuti per ritrovarsi nuovamente in vantaggio, grazie ad un bellissimo tiro a giro da dentro l’area del brasiliano Willian. Immediato, è il pareggio dello Stoke, con Crouch. Ma, altrettanto rapido, è il nuovo vantaggio del Chelsea, ancora con il brasiliano che, servito da Fabregas, calcia di prima intenzione sotto l’incrocio dei pali. Il definitivo 4-2 arriva all’85, con il solito Diego Costa che, in area, non perdona. Si chiude benissimo il 2016 del Chelsea, che sembra davvero inarrestabile. #Invincibili

Leicester City – West Ham 1-0

Al Leicester City di Claudio Ranieri basta un gol per sconfiggere il West Ham. Le Foxes, prive dello squalificato Vardy, vincono grazie ad un gol di Islam Slimani che, al ’20, insacca di testa su crosso di Albrighton. La squadra di Bilic prova a reagire e, all ’88, spreca una clamorosa occasione con Andy Carroll, il cui colpo di testa esce di poco a lato. King Claudio chiude con una vittoria il 2016 del Leicester, che sarà ricordato come l’annata più importante della storia del club. #DilyDingDilyDong

 

Manchester United – Middlesbrough 2-1

Chiude l’anno con una vittoria il Manchester United di Josè Mourinho. All’Old Trafford, i Red Devils, privi di Wayne Rooney, ribaltano il match nei minuti finali, guadagnando una vittoria più che meritata nei confronti del Middlesbrough. Dopo un primo tempo ricco di occasioni, fra cui spiccano i tentativi di Paul Pogba, Anthony Martial e il gol annullato a Zlatan Ibrahimovic per presunto fallo sul portiere avversario, al ’67, i Boro passano clamorosamente in vantaggio: Grant Leadbitter, servito in area da Alvaro Negredo, colpisce di prima intenzione e batte David De Gea. I Diavoli Rossi non ci stanno , e lo Special One inserisce nella mischia anche Marcus Rashford, che va vicinissimo al gol. All’85, finalmente, arriva il pareggio di Anthony Martial: il francese, riceve il pallone e, di prima intenzione, insacca nell’angolino basso. Dopo meno di 60 secondi, lo United completa la rimonta: Juan Mata crossa in mezzo e, di testa, Paul Pogba anticipa tutti. Vittoria importante per lo United, che rimane attaccato al gruppo di testa. #NonE’MaiTroppoTardi

Paul Pogba, 23 anni, esulta dopo il gol del 2-1 siglato contro i Boro.

Paul Pogba, 23 anni, esulta dopo il gol del 2-1 siglato contro i Boro.

Southampton – West Bromwich 1-2

West Bromwich corsaro al St. Mary Stadium, dove batte 2-1 i padroni di casa del Southampton. Al ’41, i Saints passano in vantaggio grazie a Shane Long che, su cross di Dusan Tadic, svetta di testa e insacca alle spalle del portiere. La gioia dura meno di 120 secondi: servito da Robson-Kanu, Matt Philips trova il suo quarto gol stagionale e sigla il pari. Gli Albions trovano il definitivo vantaggio ad inizio ripresa, con gli attaccanti che si invertono i ruoli rispetto al gol precedente: al ’50, il gallese Hal Robson-Kanu, servito da Philips, la infila nel sette. Nei minuti finali, i Saints rimangono anche in 10, a causa dell’espulsione di Virgil Van Dijk. #IGemelliDelGol

Swansea – Bournemouth 0-3

Netta vittoria del Bournemouth sul fanalino di coda Swansea: al Liberty Stadium, le Cherries dominano assolutamente il match e chiudono i conti già nel primo tempo. Al ’25, al termine di una mischia in area, Benik Afobe insacca alle spalle di Lukasz Fabianski. Al ’46, arriva il raddoppio: al termine di una bellissima azione corale, Ryan Fraser conclude calciando sotto la traversa. Il definitivo 3-0 arriva nella ripresa, quando Joshua King, all’88, lascia partire una sassata dal limite dell’area e batte il portiere. Lo Swansea perde ancora, nonostante l’ennesimo cambio di allenatore. #TreCiliege

L'assist man, Adam Lallana (28 anni) e l'autore del gol che ha piegato i Citizens, Georgino Wijnaldum (26 anni), e sultano dopo la rete dell'olandese.

L’assist man, Adam Lallana (28 anni) e l’autore del gol che ha piegato i Citizens, Georgino Wijnaldum (26 anni), esultano dopo la rete dell’olandese.

Liverpool – Manchester City 1-0

Delude le aspettative il big match di giornata: la partita tra il Liverpool di Jurgen Klopp e il Manchester City di Pep Guardiola è stata scialba e priva di grandi occasioni. L’allenatore tedesco, in settimana, aveva provocato il catalano parlando di “bel gioco”, ma, nella serata di sabato, nessuna delle due compagini ha mostrato un sistema di gioco entusiasmante. Le due squadre si sono dimostrate entrambe timorose dell’avversario e non hanno quasi mai creato pericoli per le difese avversarie. La partita si è decisa all’ottavo minuto: su cross di Adam Lallana, arriva il colpo di testa di Georgino Wijnaldum, arrivato al suo secondo gol stagionale. #CheDelusione

Watford – Tottenham 1-4

Si apre con una roboante vittoria il 2017 del Tottenham! Gli Spurs si impongono per 4-1 sul Watford di Walter Mazzarri, grazie alle doppiette di Harry Kane e Dele Alli. A Vicarage Road, Maurcio Pochettino si presenta senza Lamela, Vertoghen e Walker. Ancor più lunga, è la lista degli assenti fra le file della squadra dell’allenatore toscano. Gli Spurs archiviano la pratica nei primi 41 minuti. Al ’27 e al ’33, l’asse Trippier-Kane dimostra grande affiatamento: per due volte, il difensore serve l’assist perfetto all’Uragano, che non sbaglia. Al ’41, è ancora Kane il protagonista: da un cross della punta inglese respinto dai difensori, nasce il rimbalzo che arriva ai piedi di Dele Alli, che insacca alle spalle di Heurelho Gomes. Nella ripresa, poi, il franco-nigeriano completa l’opera: su suggerimento di Kane, da pochi passi, insacca. Il gol della bandiera arriva al ’91, con Younes Kaboul. Tra le file degli Hornets, da segnalare il debutto di Brandon Mason, giovane difensore classe 1997. Il Tottenham sogna in grande e, con un Harry Kane così, può ben sperare. Mercoledì sera, ci sarà il Chelsea: vedremo se l’Uragano continuerà a soffiare. #372Km/h

Harry Kane, 23 anni,esulta dopo il primo gol siglato al Watford.

Harry Kane, 23 anni,esulta dopo il primo gol siglato al Watford.

Arsenal – Crystal Palace 2-0

Vince anche l’Arsenal, che rimane a -9 dal Chelsea. La squadra di Arsène Wenger passa 2-0 all’Emirates contro il Crystal Palace. I Gunners sono fin da subito in pieno controllo della partita: al ’17, arriva il vantaggio grazie ad un bellissimo gol di Olivier Giroud. Il solito Alexis Sanchez serve il francese che, di tacco, compie un capolavoro. Il suo gol è  molto simile a quello siglato dall’armeno del Manchester United, Henrick Mkhytarian, nello scorso turno. A differenza del gol dell’ex-BVB, in questo caso, il gesto atletico risulta molto più elegante. Il definitivo 2-0 arriva, poi, al ’56, grazie ad un gol, di testa, di Alex Iwobi, che sfrutta un rimbalzo su un tiro di Sanchez. Vittoria importante per i Gunners, che aprono bene il 2017 tenendo distanti le inseguitrici. #OlivierAlMuséèDOrsay

Olivier Giroud, 30 anni, mentre sigla il suo capolavoro. A fine gara ammetterà: "Ho avuto il massimo della fortuna."

Olivier Giroud, 30 anni, mentre sigla il suo capolavoro. A fine gara ammetterà: “Ho avuto il massimo della fortuna.”

Curiosità

Robert Snodgrass, con 6 gol e 2 assist, è risultato decisivo in ben 8 dei 16 gol siglati dall’Hull City in questa stagione.

Andre Gray è il primo giocatore della storia del Burnley a siglare una tripletta in Premier League.

Con i due assist di oggi, Cesc Fabregas è il quarto giocatore della storia della Premier League a raggiungere quota 100 assist. Prima di lui ci erano riusciti: Wayne Rooney, Frank Lampard e Ryan Giggs.

Con la tredicesima vittoria consecutiva del suo Chelsea, Antonio Conte ha eguagliato il precedente record siglato dall’Arsenal di Arsène Wenger nel 2002.

Prossimo turno

La Premier League non si ferma! Il campionato più bello del mondo ritorna già questo pomeriggio (2 gennaio) con il primo turno del girone di ritorno. Il City cercherà il riscatto contro il Burnley, mentre il Liverpool andrà a Sunderland. Trasferte ostiche per Arsenal e Manchester United, contro Bournemouth e West Ham. Big match di giornata, mercoledì sera a White Hart Lane: va in scena Tottenham-Chelsea (ore 21.00). Riuscirà l’Uragano a fermare la macchina Blues di Antonio Conte?

 

Classifica: Chelsea 49 pt.; Liverpool 43 pt.; Arsenal 40 pt.; Manchester City, Tottenham 39 pt.; Manchester United 36 pt.; Everton 27 pt.; West Bromwich 26 pt.; Southampton, Bournemouth 24 pt.; Burnley 23 pt.; West Ham, Watford 22 pt.; Stoke City 21 pt.; Leicester City 20 pt.; Middlesbrough 18 pt.; Crystal Palace 16 pt.; Sunderland 14 pt.; Hull City 13 pt.; Swansea 12 pt.

 

Per vedere cosa è successo nella scorsa giornata, clicca qui

 

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI