Milan ancora vincente, ma partita più dura del previsto contro il Crotone a San Siro. I rossoneri, infatti, passati in svantaggio dopo soli 26 minuti col gol del solito Falcinelli, si sono trovati a rincorrere i calabresi. Rimonta riuscita grazie alle reti di un ottimo Pasalic e di un ormai continuo Lapadula, che guadagnano i 3 punti per il Milan. 3 punti importanti che portano i rossoneri ad un momentaneo +3 sulla Roma e +4 sulla Lazio impegnate oggi nel derby.

MILAN

Donnarumma 6: Niente di eccezionale oggi per Gigio. Incolpevole sul goal pitagorico, è poco impegnato. Tiene a galla i suoi con un buon intervento, dopo il volo sul tiro di Capezzi sullo 0-0) su un tiro da fuori di Trotta sul risultato di 1-1. Tranquillo.

Abate 5,5: È autore di una prestazione nella norma, ma si fa trovare fuori posizione sulla ripartenza rossoblu in occasione dello 0-1. Atleta.

Paletta 6,5: Ancora il migliore del reparto arretrato rossonero. Sempre preciso, non può nulla sul goal crotonese, pur tentando di limitare i danni altrui uscendo a chiudere sull’ala. Muro.

Romagnoli 6: Colto in controtempo in occasione del goal, conduce una prestazione caratterizzata da sicurezza e dominio della sua zona di campo. Deciso.

De Sciglio 5,5: In ritardo in copertura sulla rete di Falcinelli, non riesce neanche a contrastare Rohden. Per il resto, partita equilibrata, ma mai incisivo con i suoi traversoni. Distratto.

Pasalic 7: Il migliore dei suoi, a prescindere dal goal. Recupera molti palloni ed abbina a questa quantità anche un’ottima qualità. Sarà lui il sostituto di Kucka anche a Roma. Sorprendente.

Locatelli 6,5: Si dimestica bene in mezzo al campo, con sicurezza e senza rischiare troppo. Tutti i palloni passano da lui e non ne perde praticamente nessuno e non regala niente agli avversari. Al contempo regala qualche bella giocata agli spettatori. Metronomo.

Sosa 5: Impegnato nel sostituire l’assenza di Bonaventura, non è assolutamente ai livelli del centrocampista azzurro. Sbaglia tanti passaggi, a volte perdendo anche palloni sanguinosi. Mossa sbagliata del tecnico, è infatti il primo a essere sostituito. Flop. (dal 73′ Luiz Adriano s.v.: Inserito da Montella per aumentare la mole offensiva, si vede poco, ma la sua presenza nell’aria avversaria influenza la difesa)

Suso 6: Si contraddistingue per essere l’unico a saltare ogni tanto qualche avversario, ma non è lo stesso delle ultime prestazioni. Ingabbiato bene dalla difesa avversaria, non è brillante, ma si fa comunque vedere spesso. Qualità.

Lapadula 7: Ancora una volta la decide lui. Dopo aver sprecato un’ottima occasione in avvio di ripresa, respingendo la sua stessa conclusione sotto porta con il braccio, sigla la rete della vittoria a 4 minuti dal fischio finale. Fortunato nel rimpallo, controlla e mette in rete col destro. Si sbatte tantissimo per la squadra ed è l’unico a crederci su ogni pallone tanto da conquistarsi il rigore del possibile 2-1 a inizio ripresa. Lottatore. (dal 89′ Kucka s.v.: Messo dentro dal mister per ribilanciare la squadra, sarà costretto a saltare la trasferta all’Olimpico perchè rimedia uno stupido cartellino giallo)

Niang 4: Inguardabile. Perde ogni pallone da dribblomane, ingabbiato tra le maglie della difesa del Crotone. Rosi lo annulla. Il culmine è rappresentato dal rigore sbagliato strappato al compagno di squadra che lo aveva guadagnato(Lapadula, ndr). Orribile. (dall’81’ Honda s.v.: Non tocca praticamente un pallone, se non quello del calcio di punizione della vittoria, sebbene non calciato ottimamente)

 

CROTONE

Cordaz 6: Si fa sempre trovare pronto sulle poche occasioni costruite dai rossoneri. Incolpevole sui due goal. Sfortunato.

Rosi 6,5: Non soffre minimamente da quel lato. Limita con facilità Niang e al contempo De Sciglio non è mai pericoloso. In fase offensiva si rende pericoloso con qualche scorribanda. Diligente.

Ceccherini e Ferrari 6,5: La coppia difensiva calabrese funziona alla perfezione. Chiude su tutto e tutti e non concede alcuna chance nitida agli attaccanti rossoneri. Incolpevoli sui due goal scaturiti da palle inattive. Puntuali.

Martella 6: Riesce a contenere un Suso fin qui in stato di grazia, non lasciandolo brillare come nelle ultime settimane. In fase offensiva invece non offre lo stesso contributo offerto nello scorso campionato cadetto. Ritorna in forma. (dal 75′ Sampirisi s.v.: Inserito perchè più difensivo del compagno, per cercare di mantenere il risultato, continua il lavoro cominciato da Martella su Suso e Abate.)

Crisetig 6: Il centrocampo rossoblu fa il suo dovere e Crisetig anche. Sebbene autore del dubbio fallo da rigore, si fa sempre trovare pronto in mezzo al campo e offre un ottimo contributo difensivo. Mediano.

Capezzi 6: Anch’egli, come Crisetig, aiuta molto in difesa, ma si fa vedere anche lì davanti dove si inserisce sempre pericolosamente. Incursore.

Rohden 6.5: Uno dei migliori dei suoi. Autore dell’assist sul goal di Falcinelli, si inserisce spesso e riesce sempre a dare fastidio al suo marcatore De Sciglio. Spina nel fianco. (dall’88’ Simy s.v.: Inserito da Nicola per offrire maggior peso all’attacco alla ricerca di un pareggio miracoloso. Nei pochissimi minuti a disposizione non riesce a mettersi in mostra)

Stoian 5,5: Il peggiore della formazione calabrese. Il rumeno, uno dei più esperti dei suoi, è impalpabile durante tutto il match e spesso pare davvero scomparire dal campo. In fase difensiva, offre il suo contributo, ma non è incisivo. Fantasma. (dal 70′ Palladino 6: L’uomo più esperto subentra nel momento più delicato, in cui il Milan comincia a spingere con più decisione alla ricerca del goal della vittoria. Tocca pochi palloni, ma quando lo fa non manca di intelligenza e astuzia, tenendo palla lontano dalla propria area. Esperto.)

Falcinelli 7: Il migliore dei suoi. Quando c’è da metterla dentro, si fa sempre trovare pronto, anche a San Siro contro il Milan. Sfrutta al meglio l’unica occasione che gli si presenta, sebbene tenga sempre sull’allerta la difesa rossonera. A lui si affidano le speranze di salvezza del Crotone. Goleador.

Trotta 6: Fa il suo lavoro sporco nelle maglie della difesa milanista senza però essere mai incisivo. Avrebbe potuto cambiare le sorti del match se avesse sfruttato meglio la conclusione dal limite di cui abbiamo parlato in precedenza(vedi Donnarumma). Fatica per la squadra.

ALLENATORI:

Vincenzo Montella 6: Vince la gara, ma giocando in maniera poco brillante. Bravo nell’inserire il quarto attaccante alla ricerca del goal vittoria, ma tarda nelle sostituzioni di alcuni giocatori visibilmente nervosi e giù di tono.

Davide Nicola 6,5: Il suo Crotone è disposto perfettamente in campo dal punto di vista tattico e riesce ad ingabbiare il Milan, passando addirittura in vantaggio sfruttando al meglio una ripartenza. Sfortunato perchè le due reti rossonere arrivano da palle inattive.

 

Simone Marvulli(@sim_marvulli)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI