Dopo una prima stagione passata più fuori che dentro al campo, Adam Ounas vuole prendersi l’attacco del Napoli. Nel suo primo anno passato all’ombra del Vesuvio, l’ex Bordeaux ha collezionato la miseria di 13 presenze (mai per 90 minuti) e un solo gol in tutte le competizioni. A metà febbraio del primo anno di Ancelotti in azzurro invece, il franco-algerino ha messo a segno 4 gol di cui 2 nelle ultime 2 gare.

“È il momento migliore da quando sono a Napoli. Fare due gol di fila è magico, Ancelotti fa le sue scelte e io le accetto. Lo ringrazio perché mi sta facendo giocare un po’ di più, io cerco di ripagare la sua fiducia coi gol”. Queste le parole di Ounas dopo aver firmato il definitivo 4-0 nella roboante vittoria al Tardini di Parma. Nonostante un campionato che sembra chiedere ormai poco al Napoli, -13 dalla Juventus e +9 dall’Inter, Ancelotti sta riuscendo a tenere alta la tensione non solo dei titolarissimi, Milik su tutti arrivato al 14esimo gol in Serie A, ma anche delle seconde linee, o presunte tale, come è ad oggi Ounas.

Non vogliamo che facciano punti in casa nostra”. Così il numero 11 partenopeo si carica per la sfida di domenica sera che vedrà sfidarsi al San Paolo Napoli e Juventus. “Loro sono a +13 ma dobbiamo dare il meglio per tentare di vincere”.

Oltre ai gol che stanno ultimamente arrivando e alle parole con cui prova a caricare l’ambiente in vista del big match del San Paolo, sono le prestazioni che stanno convincendo tutto l’ambiente. Numeri e giocate che sono nel bagaglio tecnico di chi il calcio ce l’ha veramente nel sangue. Ancelotti sta dando fiducia ad Ounas, fiducia che Sarri gli aveva raramente concesso, ora sta al numero 11 azzurro confermarsi a questi livelli e mantenere questo stato di forma.

Gianmarco Ricci (@RicciGianm)