Ora Pepe Reina è più di una tentazione. Se un attacco stellare come Cavani-Di Maria-Neymar-Mbappè fa paura, la solidità di un top club passa anche dalla retroguardia. Proprio all’esperienza del portiere spagnolo ha pensato la dirigenza del Paris Saint Germain, mettendo sul piatto una ghiotta offerta per far cedere la resistenza del Napoli.

I termini sono questi: 7 milioni per il trasferimento, più il prestito di Areola, 3,5 a stagione per due anni all’ex Liverpool. L’operazione è difficile, ma non impossibile. Se il giocatore ancora non si è espresso (ma più di una voce dice che la tentazione di accettare è forte), il Napoli non ha dubbi. Sostituire un perno della squadra come Reina a sei giorni dalla fine del mercato è un’impresa titanica, che sconvolgerebbe tutta la preparazione estiva di Sarri. Non si può mettere Sepe o Areola in porta, servirebbe un uomo con esperienza. L’unico arrivo in extremis ancora possibile sarebbe quello di Rulli, portiere della Real Sociedad, ma i tempi sono molto stretti. L’intenzione della dirigenza, in accordo con Sarri, sarebbe tenere lo spagnolo almeno un altro anno, fino alla scadenza del contratto a giugno 2018.

Quello tra i pali è l’unico settore dove i partenopei non hanno bisogno di cedere. Le ultime battute di questo mercato serviranno soprattutto a liberarsi degli esuberi: Zapata (Sampdoria o Torino, se parte Belotti), Pavoletti (Cagliari o Sassuolo), Strinic (Genoa o Sassuolo) e Tonelli (Chievo o Sampdoria).

Reina, 35 anni, è cresciuto nelle giovanili del Barcellona. Nell’estate 2002 viene ceduto al Villarreal per 750mila euro, dove si consacra come uno dei più promettenti talenti del calcio europeo. Il Liverpool se lo aggiudica nell’estate 2005, fresco campione d’Europa, per 9,8 milioni: è lui a subire la doppietta di Inzaghi in finale di Champions nel 2007. Dopo un anno di prestito al Napoli, nell’agosto 2014 passa al Bayern Monaco per 3 milioni, dove diventa il vice di Manuel Neuer. Ma il ruolo gli sta stretto: già l’estate successiva gli azzurri se lo riprendono per appena 2 milioni.

Vanta 1 Mondiale, 2 Europei (con la Spagna, ma mai da titolare), 1 Coppa d’Inghilterra, 1 Coppa di Lega (Liverpool), 1 Bundesliga (Bayern) e 1 Coppa Italia (Napoli). Il suo valore di mercato è stimato in 2 milioni.

Stefano Francescato