Con un tabellone così, perché non sognare? Il Milan batte la Sampdoria 0-2 a Marassi e passa ai quarti di Coppa Italia, ritrovando un minimo di serenità in vista dell’impegno contro il Frosinone in campionato.

I due tecnici scelgono un turnover molto moderato: la Samp schiera davanti Bonazzoli al fianco di Muriel, Mihajlovic mette Bacca, Niang e Cerci nel 4-3-3, Luiz Adriano parte dalla panchina, febbricitante. Dopo un inizio nervoso, il Milan comincia a spingere affidandosi alle folate di Niang, che quando accelera mette regolarmente paura. Solo Muriel e Fernando mettono in apprensione Abbiati, mai realmente impensierito.

Milan's forward M'Baye Niang jubilates with his teammates after scoring the first goal of Eight finals Italy's Cup soccer match between UC Sampdoria and AC Milan at Luigi Ferraris Stadium in Genova, 17 December 2015. ANSA/ LUCA ZENNARO

Al 50′ il Milan passa: da Bertolacci a Bacca, assist di esterno per l’inserimento di Niang, che con il diagonale infila Viviano. I padroni di casa avrebbero subito la possibilità di pareggiare, quando Mexes regala palla a Muriel solo davanti ad Abbiati, ma il colombiano perde l’attimo e viene murato dal recupero della difesa rossonera. Al 64′ fallo su Kucka, Zukanovic affronta Celi a muso duro e rimedia la seconda ammonizione. Nel finale apprensione del Milan per Bonaventura, sostituito per un fastidio muscolare, i rossoneri controllano e sfruttano l’uomo in più. Solo un tiro di Cassano, grande ex, mette paura ad Abbiati. Nel recupero Honda si inventa un dribbling, serve Bacca che con classe manda a vuoto il suo marcatore e raddoppia facile d’esterno.

Per il Milan ora la strada in coppa è spianata: a gennaio troverà il Carpi e in un’eventuale semifinale una tra Alessandria e Spezia. Boccata d’ossigeno preziosa in vista di Frosinone, gara in cui si valuterà davvero la tenuta della panchina di Mihajlovic. Per Montella l’avventura doriana è un incubo: un pareggio e quattro sconfitte, due soli gol segnati e ora fuori anche dalla Coppa Italia. Serve un cambio di marcia per far decollare l’Aeroplanino ingolfato.