Una giornata insolita per la dirigenza bianconera, impegnata in occasione dell’evento “Gulp! Goal! Ciak! Cinema e Fumetti”, che ha avuto lo start in mattinata presso il Museo Nazionale del Cinema di Torino ed è proseguito nel pomeriggio al J-Museum.

Ad accogliere gli ospiti di questa iniziativa, che ha l’obiettivo di raccontare le emozioni del calcio in maniera sì diversa quanto intrigante, ci hanno pensato Andrea Agnelli, Massimiliano Allegri, Andrea Barzagli e Pavel Nedved, che si è intrattenuto ai microfoni dei giornalisti per qualche minuto.

Al centro dell’attenzione l’insolita mole di reti subite dalla squadra nelle ultime uscite, sia in campionato che in Coppa Italia, che tuttavia non sembra aver tolto il sonno al vicepresidente: “Abbiamo preso gol in settimana che non eravamo abituati a prendere, ma abbiamo lavorato su quello e la squadra è pronta”. Testa innanzitutto all’impegno di domenica in casa del Sassuolo, gara da non prendere alla leggera per proseguire la marcia verso l’ottavo scudetto consecutivo: “Non è un bivio importante – prosegue Pavel Nedved – ma una partita da 3 punti che vogliamo vincere. Tutto qua”

Il pensiero della sfida che attende i bianconeri al Wanda Metropolitano di Madrid non è ancora una priorità per il dirigente, che cerca di sviare un pò il discorso: “Non pensiamo assolutamente alla Champions per ora. Abbiamo due partite di campionato da giocare, soprattutto quella di domenica. Siamo molto concentrati e lavoriamo per questo. Crediamo di avere una squadra molto forte”.

Non poteva certamente mancare un accenno alla situazione che ha visto Dybala protagonista in negativo in occasione del prematuro rientro negli spogliatoi dell’argentino, deluso dal non esser stato selezionato per entrare in campo nei minuti finali di Juventus-Parma, e che ha visto lo stesso attore principale di un chiarimento in agrodolce con staff tecnico e compagni. Il suo rendimento in termini di marcature è calato ma: “Sì, Dybala ha segnato di meno – ha affermato Nedved – ma ha giocato meglio. Sono molto contento di lui”.

a cura di E.Menegatti (@44gattdernesto)