Piotr Zielinski, alla terza stagione al Napoli, è intervenuto ai microfoni di “Radio Kiss Kiss“. Fino a questo momento, la mezzala polacca – che in Italia ha vestito anche le maglie di Udinese ed Empoli – ha collezionato 19 presenze e 2 gol, entrambi segnati al Milan alla 2^ giornata di campionato.

Il giocatore, 24 anni, ha analizzato l’annata della squadra di Carlo Ancelotti. Queste le sue dichiarazioni: “Tutta la squadra merita questa vittoria perché abbiamo sofferto. L’Atalanta gioca sempre bene contro di noi, è molto forte. Sono contento che Milik abbia fatto il gol decisivo, se lo meritava. Abbiamo preso tre punti pesantissimi. Siamo ancora nella lotta per gli obiettivi più importanti. Per Arek era molto importante segnare, sono contento che l’abbia fatto in un momento difficile per il Napoli“.

Di seguito: “Sono felicissimo qui, ultimamente non sto vivendo un momento individuale positivo, ma spero che sia tutto alle spalle. Faccio tutto per migliorare giorno dopo giorno, presto sono sicuro che tornerò a giocare ai miei livelli. Non abbiamo dubbi su Ancelotti, è un allenatore di livello enorme. Noi vogliamo sempre vincere, contro chiunque giochiamo. In Champions siamo primi, possiamo farcela ma prima testa al Frosinone: vietato sbagliare. Veniamo da un grandissimo girone di Champions, abbiamo fatto benissimo contro una finalista dello scorso anno e con una squadra piena di campioni. Ora ci tocca l’ultima partita ad Anfield: sarà difficile ma, se giochiamo come sappiamo, riusciamo a passare il turno“.

Prosegue: “Ancelotti? Per noi è una grandissima cosa essere allenati da un campione come lui. Ha vinto tutto ma vuole fare ancora qualcosa di bello e importante con noi. Siamo sulla strada giusta, col mister andiamo tutti d’accordo. Sappiamo tutti ciò che ha fatto prima da calciatore e poi da allenatore, possiamo solo prendere il massimo da lui. Ancelotti è una persona speciale, parla con tutti, non sottovaluta nessuno. Tiene tutti sullo stesso livello“.

Infine sullo scudetto: “Noi guardiamo a noi stessi senza mai mollare. Dobbiamo vincere quanto più possibile, ora la Juve ha un calendario forse più difficile rispetto al nostro. C’è la possibilità di accorciare, ma guardiamo a noi stessi”.

Raffaele Campo (@CampoRaffaele)