È un finale di campionato amaro per il Napoli, che nonostante si sia imposto per 2-1 sul Crotone e abbia chiuso la stagione con 91 punti, stabilendo un record storico che nessuna seconda classificata aveva mai raggiunto in Serie A, non può dirsi tranquillo relativamente al futuro del suo allenatore Maurizio Sarri.

A fine partita, il presidente Aurelio De Laurentiis aveva parlato di “tempo scaduto”, sottolineando le sue ripetute richieste di conferma fatte pervenire nell’ultimo periodo al tecnico toscano, il quale, però, aveva spesso manifestato le sue perplessità.

L’ex allenatore dell’Empoli ha poi parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss, riassumendo i suoi giudizi sulla stagione appena conclusa e alimentando i dubbi sul suo futuro e su quello di alcuni elementi chiave della rosa dei partenopei:

Abbiamo fatto un risultato straordinario, una crescita bellissima che purtroppo non ci ha portato nell’albo d’oro ma nel cuore della gente, che ha regalato una festa straordinaria mai fatta a chi non ha vintoDopo aver perso a Firenze non era semplice mantenere una mentalità vincente, ci siamo riusciti e questo record di punti è un ringraziamento morale, per cui devo complimentarmi con i ragazzi.

Nè io nè i miei calciatori abbiamo mai pensato al futuro finora. Da domani valuteremo se c’è qualcuno che pagherà la clausola per alcuni di loro che sono cresciuti molto, come Milik e Zielinski, se ci sono i presupposti da parte loro per rimanere e se per me è meglio restare o fermarmi eventualmente per un anno; cominceremo a pensarci da adesso e tra un paio di giorni decideremo“.

Giuseppe Lopinto