Dalla lotta per il campionato alla lotta contro se stessi. E’ questo il copione delle ultime due giornate di campionato del Napoli, dalla vittoria sulla Juventus al pareggio di oggi contro il Toro passando per la Fiorentina. A rincarare la dose, il presidente De Laurentiis, non certo avulso da critiche nei confronti del suo allenatore. Critiche poco costruttive e abbastanza forti.

Sarri, stizzito dalle parole del presidente partenopeo, potrebbe decidere un clamoroso addio. Tuttavia, il Napoli si vuole cautelare e, prima di compiere passi falsi, proverebbe la carta rinnovo. Anche perchè, DeLa ci ha abituati a parole al miele miste a critiche forti: Sarri piace, ma deve dosare il linguaggio e le richieste.

In caso di rifiuto del rinnovo, Giuntoli in primis e il presidente proveranno ad ingaggiare un profilo “europeo”, che esalti in 4-3-3 e che abbia la capacità di valorizzare la squadra anche in Europa, dove proprio il tecnico toscano ha miseramente fallito. Niente Ancelotti o Conte, piste fredde e irrealizzabili, al momento.

Nel frattempo, però, per non trovarsi del tutto scoperto, il Napoli ha già contattato Giampaolo. L’attuale tecnico blucerchiato piace da tempo alla dirigenza azzurra. Tuttavia, l’ex Empoli non avrebbe dato ancora la sua disponibilità. Si continua la ricerca di un tecnico per la nuova stagione, sperando, in parte, nel rinnovo di Sarri, che deve dare risposta entro la fine del campionato.

 

a cura di Matteo Tombolini (@MatteoTomb)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI