Era fine maggio, e le parole di Marek Hamsik suonavano come un addio al Napoli. Il capitano azzurro, per voce del padre, aveva confermato l’interesse di club cinesi e la sua partenza sembrava ad un passo. Poi però l’arrivo di mister Ancelotti, le sue telefonate al numero 17 e la volontà di costruire un progetto vincente assieme hanno cambiato le idee del centrocampista slovacco, come confermato oggi ai microfoni di Sky Sport“Mi ha chiamato tante volte quando ero in Slovacchia, esprimendo la sua volontà di volermi in squadra. Sono contento di questo e sono felice di essere rimasto. Stiamo lavorando benissimo, sereni, e ieri abbiamo fatto una bella partita. La Cina mi avrebbe cambiato la vita, non mi nascondo e ho già detto che mi sarebbe piaciuto andare, ma sono felice di continuare a vestire questa maglia. Il mister mi ricorda molto Reja per la gestione personale. È una persona eccezionale e ci aiuterà a esprimere le nostre migliori qualità, non vediamo l’ora di giocare partite ufficiali. Il nuovo ruolo mi piace e sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento di giocare in quella zona del campo. Sono contento della nuova posizione.”

A cura di Gabriele Burini (@gabrieleburini)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI