Quando Aurelio De Laurentiis parla crea sempre un grande eco intorno a sé. Le sue parole non sono mai lasciate al caso e questa volta, ai microfoni de Le Parisien, il numero uno del Napoli usa parole forti per analizzare la gestione finanziaria del Paris Saint Germain. Queste le dichiarazioni del presidente azzurro: “Il Paris Saint Germain è un club che non ha alcun problema economico. Se ha un bilancio in rosso, lo fa diventare bianco: sembrano prestigiatori. In Qatar utilizzano il calcio per fare investimenti, per me invece è tutt’altra cosa. Loro non rispettano il FFP, ma come loro anche i russi, gli arabi ed in futuro i cinesi, perché riescono a nascondere i finanziamenti. Il Qatar sponsorizza il Psg tramite Qatar Airways con 100 milioni di euro sulla maglia e nessuno dice nulla. In Italia ci sono quattro squadre che non dovrebbero giocare perché piene di debiti. Non è che ce l’ho con i dirigenti del club parigino, conosco Blanc che è una persona molto corretta, molto professionale e lo stesso Nasser Al-Khelaïfi. Dico solo che è un problema politico: il Psg potrebbe chiamarsi Psg Qatar. Ho definito il prezzo di Neymar patetico e volgare?  Non è solo volgare, rompe il mercato. Allora Koulibaly, il miglior difensore in Europa, lo valuteremo tra 150 e 200 milioni, ma non è in vendita. Il punto è che bisogna creare un equilibrio, altrimenti avrai sempre una squadra a 30 punti e gli altri a 20. Un ritorno di Cavani? Per lui le porte sono sempre aperte, se non vuole più giocare a Parigi e si riduce l’ingaggio troveremo un accordo con il club. Se ho provato a prendere Areola? Sì, ma Raiola aveva altre idee per lui. Adesso però sono molto contento dei miei tre portieri: non ne ho mai avuti tre del livello di Karnezis, Ospina e Meret. Mbappé? È molto difficile giudicarlo perché gioca in un campionato molto debole in cui anche il Napoli potrebbe lottare per il titolo. C’è il Psg e poi il vuoto.”

A cura di Gabriele Burini (@gabrieleburini)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI