Come di consueto, una volta terminato il turno di Serie A, eccoci qui con la nostra rubrica MoviolAA Serie A, pronti ad analizzare tutti gli episodi da VAR del weekend appena concluso. Ora, andiamo a vedere cosa ci ha riservato questa quarta giornata.

Cagliari-Genoa 3-1

Nell’anticipo del venerdì sera, diretto da Gianluca Manganiello, c’è da rivedere un calcio di rigore assegnato e poi tolto agli ospiti. Infatti, al ’65, il direttore di gara fischia un penalty per un presunto tocco di Cacciatore. Richiamato dal VAR, corregge la propria decisione, decidendo di tornare sui suoi passi: il tocco di mano, se mai dovesse essere avvenuto – le immagini infatti non chiariscono – accade fuori dall’area di rigore. Giusto quindi assegnare la punizione dal limite.

Udinese-Brescia 0-1

Alla Dacia Arena, nella gara di sabato pomeriggio tra Udinese e Brescia, da rivedere un calcio di rigore fischiato da Paolo Valeri in favore dei padroni di casa ad inizio ripresa. Infatti, il direttore di gara decide di punire un fallo di Cistana ai danni di Pussetto con un tiro dagli undici metri. Tuttavia, richiamato dal VAR, dopo un lungo consulto, decreta il calcio di punizione dal limite: infatti, l’infrazione avviene fuori dall’area di rigore.

Juventus-Hellas Verona 2-1

Nella gara dello Stadium, diretta da Federico La Penna, diversi episodi da vedere. Al ’16, dopo un presunto contatto fra Cristiano Ronaldo e Faraoni, il portoghese cade in area di rigore: il direttore di gara lascia correre; nessun richiamo da parte del VAR. Tuttavia, i dubbi permangono. Al ’19, Demiral interviene in maniera scomposta su Di Carmine: rigore per gli ospiti, con il VAR che conferma. Corretto anche il rigore assegnati o ai Bianconeri al ’48: evidente il fallo di Gunter su Cuadrado, non è nemmeno necessaria la conferma del VAR.

Milan-Inter 0-2

Nel Derby della Madonnina, diretto da Daniele Doveri, diversi episodi da rivedere. Prima di tutto, la rete annullata ai Rossoneri al ’23: infatti, Calhanoglu mette la palla in rete, tuttavia il gioco è già fermo. Infatti, il direttore di gara punisce un precedente fallo di mano di Kessié. Decisione corretta anche se, tuttavia, il direttore di gara avrebbe dovuto aspettare la fine dell’azione prima di fermare il gioco e controllare. Infatti, da protocollo, il VAR non sarebbe potuto intervenire, come invece poi è successo. Al ’35, poi, viene annullata una rete ai Nerazzurri: dopo la miracolosa parata di Donnarumma sulla rovesciata di D’Ambrosio, Lautaro Martinez raccoglie la respinta e insacca. Dopo check VAR, Doveri annulla giustamente: infatti, punisce la posizione di offside del terzino italiano sul primo cross. Infine, al ’49, la rete che porta in vantaggio l’Inter: il guardalinee segnala il fuorigioco di Lautaro Martinez sul tiro di Brozovic. Richiamato dal VAR, il direttore di gara assegna la rete: infatti, l’argentino non disturba minimamente la visuale di Donnarumma e, oltretutto, non crea disturbo condizionandone la reazione.

Sassuolo-SPAL 3-0

Nella gara di Reggio Emilia, diretta da Maurizio Mariani, ben 3 episodi da rivedere. Al ’30, la SPAL chiede un calcio di rigore per un presunto fallo di Peluso ai danni di Petagna. Dopo consulto VAR, il direttore di gara lascia correre e assegna il corner. Decisione corretta. Al ’43, invece, Duncan sigla il terzo gol dei padroni di casa. Mariani e la sua squadra valutano un presunto fuorigioco del ghanese. Dopo tre minuti di consulto VAR, la rete viene assegnata: tutto regolare. Nel finale, poi, all’89, viene annullato un gol agli ospiti: infatti, Murgia mette in rete servito da Petagna. Tuttavia, l’ex-Atalanta è in posizione di offside. Anche qui, il VAR richiama Mariani e, dopo una lunga attesa, annulla la rete.

Bologna-Roma 1-2

Nella gara del Dall’Ara, diretta da Luca Pairetto, da vedere solamente il calcio di rigore assegnato ai Felsinei al ’53 per un presunto fallo di Kolarov su Soriano. In realtà il serba anticipa nettamente il calciatore del Bologna. Incredibile come il VAR non sia intervenuto in soccorso di Pairetto.

Lecce-Napoli 1-4

Nella gara diretta da Marco Piccinini, da rivedere il calcio di rigore assegnato ai Partenopei: infatti, al ’35, Tachtsidis​ a braccia larghe in area colpisce il pallone con l’arto, per anticipare Llorente in uno scontro aereo. Richiamato dal VAR, l’arbitro assegna il penlaty: decisione corretta.

Atalanta-Fiorentina 2-2

Nella gara dello Stadio Atleti Azzurri d’Italia, da rivedere la rete annullata a Pasalic: infatti, su cross di Papu Gomez, De Roon serve il croato, che insacca. Tuttavia, l’assist dell’olandese è di mano. Richiamato dal VAR, Daniele Orsato annulla.

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI