Archiviato anche il tredicesimo turno di Serie A, eccoci qui, ancora una volta, pronti ad analizzare tutti gli episodi da VAR nella nostra MoviolAA Serie A.

Atalanta-Juventus 1-3

Nella gara di Bergamo diretta da Gianluca Rocchi, da rivedere ben 3 episodi. Il primo, il calcio di rigore assegnato alla Dea al ’15: su tocco di Papu Gomez, Khedira intercetta la palla con il braccio. Nessun dubbio per Rocchi e per il VAR: è tiro dagli undici metri. Al ’78, poi, è l’Atalanta a chiedere un rigore: cross di Freuler, con la palla che viene intercettata da Emre Can, il quale colpisce la sfera con il pallone prima di vedersela carambolare sul gomito, posto a protezione del volto. Il direttore di gara è richiamato dal VAR, ma decide di lascia correre. Episodio dubbio. All’81, poi, da rivedere il gol della Juve. Infatti, i bergamaschi protestano per un presunto fallo di mano di Cuadrado ad inizio azione. Infatti, il colombiano recupera il pallone da terra toccandolo con il braccio. Rocchi lascia correre, mentre il VAR non può intervenire. Infatti, prima della conclusione dell’azione, l’Atalanta riesce a recuperare la palla, per poi riperderla.

Milan-Napoli 1-1

A San Siro, invece, nella gara diretta da Daniele Orsato, da rivedere solamente un episodio. Infatti, al ’69, Biglia perde palla, concedendo una ripartenza pericolosissima al Napoli. Servito in profondità, Elmas si alluna il pallone e cade a terra chiedendo il contatto con Donnarumma. In realtà, il numero 99 rossonero ritrae le mani e non tocca assolutamente il macedone. Corretto lasciare correre.

Roma-Brescia 3-0

Nella gara dell’Olimpico, invece, diretta da Marco Di Bello, da rivedere ben 3 episodi. Al ’63, viene annullata una rete a Nicolò Zaniolo: decisione corretta poiché, sugli sviluppi dell’azione, la palla era uscita dal campo. All’82, poi, viene annullato ad Edin Dzeko il gol del 4-0: infatti, come ben evidenziato dal VAR, il bosniaco è in offside per pochi centimetri. Infine, all’86, viene annullata una rete ad Ayé: il calciatore del Brescia, infatti, colpisce la palla con il braccio.

Sampdoria-Udinese 2-1

Al Marassi, nella gara diretta da Luca Pairetto, da rivedere la rete annullata a Nestorovski al ‘3: infatti, il calciatore dell’Udinese insacca di testa su cross di De Maio dalla destra ma, tuttavia, si trova in chiara posizione di offside. Richiamato dal VAR, Pairetto annulla la rete del macedone.

Lecce-Cagliari 2-2

Nella gara inizialmente in programma domenica sera e rinviata a lunedì pomeriggio, ben due episodi da rivedere. Al ’29, il calcio di rigore assegnato al Cagliari: La Mantia intercetta la palla di mano su cross in area. Richiamato dal VAR, il direttore di gara – Maurizio Mariani – assegna giustamente il calcio di rigore. All’81, poi, il calcio di rigore assegnato ai padroni di casa: intervento folle di Cacciatore che intercetta di mano un colpo di testa a porta vuota di La Mantia. Decisione sacrosanta.

SPAL-Genoa 1-1

Nel Monday Night, diretto da Piero Giacomelli, da rivedere il calcio di rigore assegnato ai padroni di casa. Al ’53, contatto in area ospite fra Criscito e Missiroli, con il calciatore rossoblù che trattiene nettamente l’avversario. Richiamato dal VAR, Giacomelli assegna il tiro dal dischetto.

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI