La Polonia festeggia la prima vittoria nella fase finale di Europeo e non lo fa grazie al trascinatore Lewandowski, ma per merito di Arkadiusz Milik.

La prestazione del gioiellino dell’Ajax è stata da vero e proprio trascinatore e, insieme ai tre punti, ha festeggiato anche un record: Milik è diventato, a 22 anni e 104 giorni, il più giovane marcatore nella storia della Polonia agli Europei.

Le gesta di Milik in queste due stagioni all’Ajax (47 reti in 75 presenze ndr) non sono passate di certo inosservate, tanto che alcune squadre italiane stanno seguendo da molto vicino l’attaccante polacco. Roma, Inter e Lazio hanno già chiesto informazioni su di lui e in particolare i giallorossi l’hanno individuato come principale erede di Dzeko, in caso di partenza del bosniaco.

L’agente di Milik ha già rivelato che ogni decisione sul futuro del suo assistito sarà presa soltanto dopo l’europeo, ma le ottime prestazioni dell’attaccante polacco potrebbero far lievitare considerevolmente il prezzo del cartellino. Si parte da una base di circa 20 milioni di euro, ma se Milik dovesse continuare a trascinare la Polonia in questi europei francesi il prezzo si impennerà drasticamente.

Le squadre italiane sono avvisate…

di Valerio Pennati

Milik