Intervistato da “Foot Truck“, Krzysztof Piatek ha parlato di queste sue prime settimane al Milan, che verso la fine di gennaio ha acquistato dal Genoa per circa 35 milioni di euro.

Le prime due partite del bomber polacco con la maglia rossonera sono state ottime, in quanto ha già realizzato 3 gol, l’ultimo proprio questa domenica in casa della Roma.

Queste le parole dell’attaccante: “La pressione l’ho scelta io stesso. Mi devo abituare, ma di sicuro non cambierò. Cerco di essere sempre la stessa persona e di lavorare come prima. Il Milan? Seedorf ha chiesto di fare una foto. E’ fantastico che gente del genere mi riconosca, vuole parlare con me. Come Shevchenko nello spogliatoio prima della partita col Napoli. Dopo la firma del contratto ho avuto un messaggio da Alvaro Morata: ha scritto che mi osserva, che mi augura buona fortuna. Anche questo è fantastico“.

Prosegue: “Il debutto col Napoli? Ero così concentrato che non sentivo le urla dei fan. Solo prima della partita, quando ero ancora nel tunnel e lo speaker recitava i cognomi. Quando so di giocare dal primo minuto, non esco sul campo prima del riscaldamento. Sono i miei rituali. Però se sono in panchina, sono più rilassato e vado a vedere la tribuna. Avevo le cuffie e tutti i giocatori di riserva si sono seduti in panchina, sono entrato da solo in campo. Sento l’applauso, tolgo le cuffie e tutti: wooow! Ho applaudito anch’io e l’atmosfera è cresciuta. Un’emozione incredibile, i tifosi del Milan hanno salutato così un nuovo giocatore, che non ha ancora fatto niente per il club“.

Di seguito: “Dopo il primo allenamento in Italia mi sono detto: se faccio 12 gol in questa stagione, sarò contento. Ma l’appetito vien mangiando. Devo lavorare duro ogni giorno, in ogni allenamento, e alla fine ci saranno i risultati. Non importa se gioco a San Siro o per il Cracovia o per la Nazionale polacca. I miei idoli? La mia prima maglia era del Real Madrid con Ronaldo, poi i poster dello United di Ronaldo e dell’Arsenal Henry“.

Raffaele Campo (@CampoRaffaele)