Anno da dimenticare per Diego Lopez. Dopo aver perso il posto da titolare ai danni di Donnarumma, ora il 35 enne estremo difensore si è lasciato scappare l’opportunità di disputare, con la propria nazionale, gli europei francesi in procinto di iniziare.

L’ex portiere del Real Madrid ha vissuto quasi l’intera stagione in panchina e non è riuscito a confermare le eccellenti prestazioni dello scorso anno, quando, praticamente da solo, riuscì a salvare dal baratro la stagione dei rossoneri (terminata comunque al 10° posto).

Intervenuto ai microfoni del programma spagnolo ” El Larguero” ha parlato moltissimo del suo prossimo futuro, che lo vedrà lontano dal Duomo, della delusione dell’esclusione dai convocati per Euro2016 e di Donnarumma, il portiere prodigio che a 16 anni spaccati è diventato il titolare inamovibile della compagine milanese a scapito suo.

E’ stato un anno terribile per me, ho giocato poco e non mi sono allenato come avrei dovuto perché ero infortunato. Voglio giocare, a 35 anni non mi sento ancora finito e voglio dimostrare ancora il mio valore. La Liga è un campionato che mi piace tantissimo e vorrei tornare lì ma ho altre offerte che mi intrigano molto e potrei valutarle.”

Riguardo a “Gigio” Donnarumma non può che esprimere un giudizio positivo :” E’ un fenomeno. A 16 anni giocare con quella tranquillità non è da tutti e, se continua così, può diventare tra i top al mondo in poco tempo.

Tra 10 giorni inizieranno gli attesissimi campionati europei, torneo che non vedrà tra i protagonisti il portiere spagnolo che, ribadisce la delusione dell’esclusione ma afferma anche di non avercela con il commissario tecnico spagnolo: ” Non ce l’ho assolutamente con Del Bosque anzi gli sarò sempre grato per avermi fatto esordire in nazionale maggiore. L’unica cosa che rimpiango è il fatto di non essere stato nei suoi pensieri anche quando giocavo bene al Real Madrid ma, essendo spagnolo, ovviamente tiferò per i miei compagni.

Già il Real Madrid, la squadra in cui è cresciuto calcisticamente e che lo ha fatto diventare grande. I “Blancos” hanno vinto la loro 11esima coppa dei campioni e, l’ex numero 1, non può che complimentarsi con loro :” Sono un tifoso del Real e non posso che complimentarmi per la vittoria. La prima persona che ho chiamato è stata Arbeloa, mi sembrava doveroso.”

Il futuro di Diego Lopez sembra essere sempre più lontano da Milano quindi ma la domanda è: dove andrà?

Michael Procopio

Unknown