Dopo le fatiche di Coppa, Milan e Juventus tornano a concentrarsi sul campionato e sulla sfida che le vedrà protagonista domenica a S. Siro.

Sorride Allegri. Dopo l’infelice epilogo di mercoledì sera contro il Manchester United, l’allenatore bianconero trova un motivo, anzi due, per essere contento. Joao Cancelo e Mario Mandzukic, tenuti in panchina contro i Red Devils, tornano titolari al Meazza. Saranno, molto probabilmente, De Sciglio e Cuadrado i sostituiti nell’undici titolare che affronterà il Milan.

Altre frecce nella faretra del tecnico toscano, dopo il recupero di Matuidì, peraltro già utilizzato mercoledì, e quello molto probabile di Douglas Costa. Anche Mandzukic ha preso parte ad uno scampolo di partita contro la squadra di Mourinho. Troppo poco per poter incidere. Non gioca titolare dal pari con il Genoa (il 20 ottobre scorso).
Cancelo, invece, è rimasto a riposo mercoledì. Invocato a gran voce ad entrare al posto di De Sciglio contro il Manchester, per mantenere la squadra alta; il terzino portoghese è stato tenuto in panchina per evitare complicazioni dovute al risentimento che aveva avuto in settimana.

Ora tornerà nello stadio che lo ha visto protagonista anche di un derby (il 4/4/18, 0-0) con la maglia dell’Inter. Ci ha messo pochissimo a convincere tutti quanti della bontà del suo acquisto, concluso in estate per 40 milioni dopo che, proprio l’Inter non aveva potuto riscattare il portoghese dal Valencia. C’è una qualità tecnica impressionante in ogni singola giocata dell’ex terzino nerazzurro, che sfoggia un linguaggio del corpo permesso solo a chi ha doti sfacciate. Un giocatore meraviglioso da vedere, che circondato da compagni di altissimo livello, può esprimere al meglio le sue doti.

Se la Juventus trova gli spazi intasati centralmente, le discese e le combinazioni con gli esterni bassi diventano fondamentali. E ciò che rende speciale Cancelo è proprio la sua facilità di corsa e di arrivare sul fondo, abbinata a una tecnica superiore che gli consente di parlare lo stesso linguaggio dei vari Ronaldo, Pjanic e Dybala.

A cura di Fabio Casalucci  @FabioCasalucci

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI