L’attuale numero 10 del Milan potrebbe lasciare i rossoneri a parametro zero alla fine di questa stagione.

Giocatore rinato

Hakan Calhanoglu è stato uno dei protagonisti principali della fantastica striscia di risultati positivi guadagnati dal Milan di Pioli. Il numero 10 dei rossoneri e della nazionale turca è riuscito a fare il salto di qualità che tutti i tifosi si aspettavano da tempo, diventando un giocatore di riferimento all’interno della rosa. Il suo enorme potenziale si era solo intravisto, ma sotto la gestione di Stefano Pioli il ragazzo è maturato a tal punto da diventare insostituibile. Dalla ripresa del campionato scorso a giugno, infatti, Calhanoglu ha messo lo zampino in 19 gol (9 gol e 10 assist).

Problema rinnovo

La crescita esponenziale del trequartista rossonero ha regalato diverse gioie alla società e ai tifosi, ma allo stesso tempo ha creato dei nodi da sciogliere. Questo perché il suo contratto andrà in scadenza il prossimo 30 giugno. A seguito delle prestazioni di qualità del giocatore ex Bayer Leverkusen, alcune voci fanno trapelare che il suo procuratore, Gordon Stipic, abbia chiesto al Milan un rinnovo da 6 milioni di euro a stagione, che sarebbe più del doppio rispetto agli attuali 2,5 milioni di euro. La società meneghina ha ritenuto eccessiva la richiesta dell’agente, e sarebbe disposta ad offrire un rinnovo da 3,5 milioni a stagione. Nel caso in cui procuratore e società non dovessero trovare un accordo, il Milan si affiderà, come nel caso di Donnarumma, alla volontà del giocatore.

La volontà di Calhanoglu

In questo momento, in cui Calhanoglu porta sulle spalle un peso che prima non riusciva a sostenere, e le sue prestazioni riflettono le vere qualità del trequartista ideale, la richiesta di un aumento è comprensibile. Aumento che il Milan sarebbe disposto a proporre, ma non alle condizioni poste dal procuratore. D’altro canto, la società si affiderà alla volontà del giocatore, che sembra essere quella di rimanere a Milano, nonostante l’interesse di alcuni club di Premier League (Manchester United) e Liga (Atletico Madrid). Il giornalista Fabrizio Romano, attraverso il suo podcast, ha confermato che gli agenti lo starebbero proponendo a diversi club. Ha dichiarato anche, però, che non vi è nulla di avanzato con le squadre alla quale il turco è stato accostato. Calhanoglu, da una parte, non avrebbe alcun motivo di lasciare la maglia numero 10, perché gioca finalmente nel suo ruolo preferito e ha il grande obiettivo, questa volta realistico, di riportare il Milan in Champions League. Dall’altra parte, però, è impossibile per chiunque snobbare gli interessamenti dei top club europei.