Mohamed Simakan, difensore classe 2000 dello Strasburgo è il profilo su cui la società rossonera ha deciso di puntare per completare il reparto difensivo.

Difensore centrale cercasi

Durante la finestra di calciomercato invernale, la priorità per completare la rosa del Milan sarà il difensore centrale. Sia Paolo Maldini che Frederic Massara avevano già provato durante gli ultimi giorni di agosto ad acquistare un difensore da affiancare a Romagnoli. Anche se, viste e considerate le prestazioni di Simon Kjaer, sarà difficile lasciare in panchina il capitano della Danimarca. L’esigenza del centrale nasce anche da alcuni fattori interni alla rosa. L’infortunio di Matteo Gabbia costringerà il ragazzo a rimanere ai box per un po’ di tempo. Dall’altra parte, la scarsa fiducia nei confronti di Leo Duarte e Mateo Musacchio porta a considerare la necessità di un acquisto.

Opzioni A

I primi nomi sulla lista dei dirigenti del Milan sono ben noti. Il sogno per completare il reparto è Ozan Kabak, di proprietà dello Schalke 04. Maldini e Massara avevano già provato a strappare il ragazzo alla squadra tedesca, che ora sta vivendo problemi economici e di classifica, ma il ragazzo turco considera il campionato italiano come seconda opzione, dato che ha ricevuto interessamenti anche dal Liverpool. Nella stessa lista è presente anche il difensore centrale del Verona, Matteo Lovato, che sta stupendo tutti in questa sua prima stagione nel massimo campionato italiano. Anche in questo caso, secondo le indiscrezioni, il Milan era arrivato ad offrire 5 milioni più il cartellino di Duarte, ma l’offerta è stata declinata.

Situazione Sìmakan

La notizia più importante, però, proviene dalla Francia, dove secondo l’Equipe, il Milan starebbe lavorando per trovare l’accordo economico con lo Strasburgo per Mohamed Simakan. Dopo le offerte respinte da Schalke 04 e Verona, i rossoneri hanno deciso di puntare sul calciatore francese classe 2000. Simakan è un difensore centrale destro che si è formato nel vivaio dell’Olympique Marsiglia. Giovane, di prospettiva, forte fisicamente e molto abile nell’uno contro uno e nei recuperi a campo aperto grazie alla sua velocità. A ottobre la dirigenza del Milan, dopo aver ricevuto il sì del ragazzo, aveva offerto 12 milioni, ma non bastarono per convincere gli alsaziani. Vedremo se le due società riusciranno a trovare un accordo nel mercato invernale.