E’ stato ripetuto più volte, da diversi interpreti, che la Juventus è fortemente intenzionata a non effettuare operazioni in uscita, che si vuol mantenere completamente la rosa competitiva allestita in estate e che saranno tutti chiamati a rispondere agli impegni che da qui al termine della stagione diverranno più frequenti.

Ottime premesse, ma la realtà dei fatti dice tutt’altro e cioè che nelle ultime ore il telefono di Fabio Paratici è più bollente del solito. Suscita particolare attenzione la questione riguardante Medhi Benatia, difensore marocchino che da tempo manifesta dei mal di pancia a causa del suo scarso impiego e che gradirebbe una maggiore considerazione da parte della società. Di sirene per lui ne erano suonate anche in passato, con vari club europei disposti ad imbastire una trattativa per accaparrarsi le sue prestazioni, ma stavolta la questione pare esser decisamente più seria. E’ di oggi anche la visita di Rashid Uddin, intermediario che ha incontrato il calciatore bianconero per illustrargli le offerte provenienti dall’Al-Itthiad e, soprattutto, dall’Al-Duhail, società di Doha che partecipa alla Qatar Stars League. I qatarioti avrebbero sottoposto al difensore un contratto a due cifre, così da tentarlo in maniera tale da chiedere, attraverso il suo agente Sissoko, alla Juventus di acconsentire al trasferimento. I bianconeri da questa cessione otterrebbero circa 8 milioni di euro e svariati bonus, ma ciò che impensierisce Paratici è la ricerca di un sostituto all’altezza a pochi giorni dal gong di chiusura del cosiddetto mercato di riparazione. Situazione da tener d’occhio con particolare attenzione.

Ma la giornata del D.S. non si è limitata ad intrattenere i contatti con l’entourage del marocchino, bensì è stata caratterizzata da vari incontri. A fargli visita nel quartier generale milanese della Madama è stato Lippi, agente di Spinazzola, che poco prima aveva conferito con la dirigenza del Parma, club seriamente intenzionato ad avanzare un’offerta per il laterale umbro per il quale, tuttavia, la Juventus non pare esser del tutto convinta ad accettare proposte. Un eventuale trasferimento potrà esser preso in considerazione solo e se sarà trovato e messo sotto contratto un sostituto all’altezza ed in linea con le politiche societarie.

Diversa è la musica per quel che concerne Marko Pjaca, attaccante attualmente in prestito alla Fiorentina. Dopo aver recepito la ferma volontà di Preziosi di portare il croato a Genoa, Paratici ha mediato per ricevere il sì dalla società viola per concludere il prestito in maniera anticipata. Il colloquio avuto in sede odierna tra il rappresentante del giocatore, Marko Naletilic, e la dirigenza rossoblù ha aperto più di uno spiraglio per il buon esito dell’operazione, in un primo momento non gradita al giocatore che era apparso fermamente convinto di proseguire la sua avventura in Toscana. I termini del trasferimento richiesti dai bianconeri sarebbero analoghi rispetto a quelli intavolati con la Fiorentina in estate: prestito con diritto di riscatto in favore dei liguri ad una cifra che si attesta attorno ai 20 milioni di euro.

a cura di E.Menegatti (@44gattdernesto)