Lucarelli: il capitano, la bandiera, l’uomo che ha riportato il Parma in B

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Il tema della fascia da Capitano e della “bandiera” non è mi stato così attuale. E’ un calcio diverso, si dice, non è più possibile che un calciatore vesta la stessa maglia per tutta la vita. Forse è vero, il calcio è cambiato ed è un dato di fatto che le cosiddette bandiere siano sempre più rare e difficili da trovare. Per fortuna esistono però alcune eccezioni che confermano la regola. Pensate ad Alessandro Lucarelli. Certo di maglie ne ha vestite diverse prima di approdare al Parma,nel 2008, ma ciò che ha fatto negli ultimi tre anni con la fascia da Capitano al braccio lo rende un uomo vero e a tutti gli effetti, visto che la parola è molto gettonata ultimamente, un bandiera.

Al termine della stagione 2014/2015 il Parma Calcio è ufficialmente fallito ed è stato costretto a ripartire dai dilettanti. Tutti i giocatori che in quella stagione avevano vestito la maglia Crociata in Serie A ovviamente hanno lasciato la squadra per cercare una sistemazione in un’altro club di quel livello. Tutti tranne uno, il capitano Alessandro Lucarelli. A 37 anni il difensore livornese avrebbe potuto tranquillamente ritirarsi o concludere la sua carriera in un altro club di serie A, ma l’attaccamento alla maglia, alla società e ai suoi tifosi l’hanno spinto a scendere in serie D. Non solo; all’inizio del campionato di D Lucarelli ha fatto una promessa alla sua gente: “Rimango per riportare il Parma ad alti livelli”. Oggi possiamo dire che la promessa è stata mantenuta. In due anni il Parma Calcio è tornato in serie B, ma ovviamente non ha intenzione di fermarsi qui.

Lo testimoniano le parole che lo stesso Lucarelli ha pronunciato a fine partita:Due anni fa di questi tempi ero in tribunale, unico rappresentante rimasto della componente calcistica del club. Oggi festeggiamo una promozione bellissima perché sofferta. L’abbiamo strappata con i denti, ci hanno dato pure di falliti, di venduti durante la stagione, solo noi sappiamo cosa abbiamo vissuto nello spogliatoio. Ma poi tutti assieme abbiamo deciso di svoltare e siamo ripartiti dimostrando di avere cuore e attributi. E non è ancora finita…. Lucarelli riuscirà a mantenere anche questa promessa?

di Andrea Carbonari

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Commenti