calciomercato sudamericano

È passata una settimana, e dunque rieccoci con Locos por los fichajes, la rubrica con cui seguiremo passo dopo passo, settimana dopo settimana, i principali e più interessanti movimenti del mercato sudamericano: Argentina e Brasile, ma non solo, perchè il mercato sudamericano s’incrocia troppo volte con quello europeo e porta spesso a grandi rivoluzioni, e dunque merita d’essere seguito con grande attenzione e curiosità. Lo faremo ogni giovedì, ed ecco dunque le trattative più interessanti di questa settimana nei vari paesi del continente sudamericano!

ARGENTINA: COLPI DI SCENA PER CENTURION E CECCHINI, EMILIANO RIGONI VERSO LO ZENIT– È la settimana dei colpi di scena, quella in cui ogni trattativa che sembra conclusa finisce irrimediabilmente per saltare nel paese dell’Albiceleste: è il caso di Centurion, che dopo aver mollato il Genoa ”sull’altare” (visite mediche sostenute), viene scaricato a sua volta dal Boca Juniors dopo una rissa con un tifoso in discoteca, ma anche del giovane Emanuel Cecchini. Era tutto fatto con l’Inter, il giocatore era arrivato a Linate che con tanto di dichiarazioni entusiastiche e si preparava al prestito al Genoa (che sta chiudendo dal Taladro Thomas Rodriguez per 500mila euro), poi il colpo di scena: veto di Suning, giocatore appiedato e chiusura col Malaga, che lo pagherà 4mln+1 di bonus (per l’85%) e concederà al Banfield il 15%  sulla futura cessione. Il giocatore ha sostenuto le visite oggi, nel più classico dei colpi di scena sudamericani: colpo di scena che potrebbe arrivare anche per Wanchope Abila, che sembrava chiuso al Boca (si parlava di visite programmate per venerdì 21), e invece ecco che il Cruzeiro ha alzato la richiesta a 4mln, dopo essersi ricordato che l’Huracan detiene il 50% del cartellino (e sogna il prestito dagli xeneizes fino a dicembre) e il ricavo andrà diviso. Come contropartite ci sono sempre il Chelo Torres (prestito) e Messidoro, che si è già unito alla Raposa e non andrà al Tucuman: è un Boca scatenato, che dopo aver mollato Centurion (che valuta un’offerta dal Lanus, ma occhio al Genoa) e chiuso Espinoza dal Villarreal (dopo le nuove visite), potrebbe tornare su Medina (Libertad, ma occhio a Oscar Romero che verrà riprestato dallo Shenhua), ma il mercato argentino non ruota solo intorno agli xeneizes, che tra l’altro stanno cedendo Walter Bou al Racing (raccoglierà l’eredità del fratello Gustavo). Tutte le squadre sono attive, e l’Independiente può piazzare il colpo in uscita della settimana, dato che lo Zenit è vicino a Emiliano Rigoni: i russi pescano in Sudamerica, e dopo Driussi hanno l’accordo con l’ala destra (classe ’93) del Rojo, per il quale basta pagare i 9mln della clausola per acquistare il 50% del cartellino (l’altra metà è del Belgrano) e diventare ”controllanti” del calciatore. Affare in dirittura d’arrivo insomma, con gli argentini che hanno già chiuso per Chumacero come sostituto (arriverà dopo il ritorno tra Strongest e Lanus), e sono tanti i colpi in vista: scatenato l’Huracan, che ha strappato Pablo Alvarez (Racing, ex Catania) all’Estudiantes, e ha preso anche Coniglio (Olimpo) e Leyes (Tucumán, che ha chiuso Cabral dal Racing), oltre a cedere Risso (Celaya, Perù) e Marinelli (Colon, libera il posto per Campestrini o Rigamonti).

Stallo invece per il River, che aspetta l’acquisto di Nicolas De La Cruz da parte di un club europeo (Inter avanti) per ottenerlo in prestito, ma sta cedendo Bertolo (ex Palermo e Banfield) al Bari. Come Bertolo, in tanti hanno lasciato o lasceranno l’Argentina, e dunque facciamo un rapido screening: Mazurek (Colon) si è unito al Panetolikos, Cerro (Racing) è approdato al Rayo Vallecano, Isnaldo (Newell’s) all’Asteras Tripolis, mentre Sigales si è unito al Boston River (Uruguay) in uno scambio che ha portato Felipe Rodriguez (ex LDU) al Godoy Cruz e Nereo Champagne (Olimpo) è approdato in Spagna al Leganés. Tra le squadre meno note, colpi per l’Olimpo, che chiude Cahais (Veracruz) e il colpo-Fornari dal Sarmiento Junin (che acquista Boghossian), mentre l’Argentinos Juniors si appresta a festeggiare la promozione in Primera Division col ritorno di Pisculichi dal Vitoria. Colpi esotici, invece, per Belgrano, Patronato e Talleres: le prime due si buttano sul Paraguay, coi rossoneri che acquistano Contrera (Guarani) e Blas Caceres (Cerro Porteño) e i Piratas belgranisti che strappano Epifanio Garcia al Guarani (colpaccio!), il Talleres invece va di Uruguay con gli arrivi di Olaza dal Danubio e Junior Arias dal Peñarol. Per il resto, ritorni (Matias Garcia al Tigre), vecchie conoscenze (l’ex Bologna Abero al Tigre, Prosperi al San Martin e Somoza all’Aldosivi), addii (Cetto, ex Rosario e Palermo, si ritira) e acquisti insoliti: uno riguarda l’approdo di Gaston del Castillo, fratello di Aguero, all’Arsenal Sarandì, l’altro l’acquisto di Amarilla (Libertad) da parte del Velez. Una punta, in una squadra che aveva già chiuso Andrada e Bergessio: ristrutturazione totale.

BRASILE: RODRIGO CAIO NON SI MUOVE, RICHARLISON VERSO L’AJAX. E LUCAS LIMA…– Prima di tutto una menzione speciale per l’ex Lazio Ederson, che dovrà lottare contro un tumore ai testicoli, e poi via al riepilogo sui colpi del Brasileirao. La notizia della settimana, però, è un non cambiamento, con Rodrigo Caio che ha nuovamente stoppato gli assalti europei per restare al capezzale di un San Paolo che rischia la retrocessione (e mantenere il posto nei 23 della Seleçao): il Tricolor, dal canto suo, prosegue nello smantellamento e ricostruzione della squadra, chiudendo per Marcos Guilherme (Dinamo Zagabria) ed Edimar (Cruzeiro, ex Cluj e Chievo), e spingendo per Dodò (Sampdoria) e per lo scambio che porterebbe Eduardo Sasha nel SP e Cicero all’Internacional (che ha ritrovato Leandro Damiao e acquistato Camilo dal Botafogo con una formula simile: al Fogão Brenner). Entrate e uscite, e se parliamo di uscite non possiamo non citare il Santos: Thiago Maia e Caju sono ufficiali al Lille, mentre sono giorni decisivi per Lucas Lima, che sarebbe stato bloccato dall’Inter per gennaio e spinge per partire subito. Il Peixe è in posizione debole, avendo solo il 10% del cartellino (80% a Doyen, 10% all’ex agente Khodor che pontifica a mezzo stampa, ma il vero agente è Wagner Ribeiro), ed è in posizione debole anche la Fluminense, che sta per far partire due dei suoi talenti: Richarlison è vicinissimo all’Ajax per 15mln (Chelsea beffato), il mediano Wendel punta i piedi per unirsi al Porto (15mln) e parla di cambiamenti sui social. Fuga dalla Flu dunque, nelle cui fila rientra Wellington Silva dopo non aver passato le visite col Bordeaux: i brasiliani lo riscattano e piazzano un colpo, in una settimana che è piena di uscite. Il centrale Nathan lascia la Chapecoense e va al Servette, Carlos Alberto viene svincolato dall’Atletico Paranaense, Roger Guedes (Palmeiras, panchinaro) è nel mirino di Atalanta e Sampdoria e Marcelo Cirino (Atletico-PR) sta per volare all’Al-Nassr: in entrata invece, segnaliamo il colpo Penilla (Monarcas Morelia, secondo ecuadoriano dopo Guerrero) per la Chape, e qualche acquisto interessante. Oltre al Vasco da Gama, che riporta in Brasile Anderson Martins (El Jaish), segnaliamo il ritorno in Brasile di Rafael Galhardo (Anderlecht), che si unisce al Cruzeiro, di Pablo (Bordeaux) che va dai leader del Corinthians e dell’attaccante Ribamar (Monaco 1860), che prova a rilanciarsi nell’Atletico Paranaense, dove sostituirà Grafite. E cambiano (avevate dubbi?) degli allenatori: l’Atletico Mineiro riparte dal tecnico dell’Olimpica Rogerio Micale, il Vitoria esaurisce i tre cambi possibili riportando sulla sua panchina Vagner Mancini, esonerato recentemente dalla Chapecoense.

OTROS PASES: ORTIGOZA ALL’OLIMPIA, GARGANO AL PEÑAROL. MAXI RODRIGUEZ LO SEGUE?– È un mercato dai mille cambiamenti, quello sudamericano, nel quale ci si ritrova spesso a ricostruire con l’obiettivo di diventare più forte: abbiamo visto la diaspora (ne parliamo nel capitolo-Argentina) dal Paraguay, ma nel paese dell’Albirroja si compra eccome, e proprio da lì arriva uno dei colpi più interessanti. Lo piazza l’Olimpia Asuncion, che ha tesserato il Gordo Ortigoza dopo lo svincolo dal San Lorenzo (fa il paio con Dario Veron, che rientra dal Pumas, e Coronel acquistato dal Nacional Asuncion), ma le altre non sono da meno: il Cerro Porteño risponde riportando in patria Victor Caceres (Al Rayyan) e acquistando Insaurralde (O’Higgins) come vice-Churin, il Guarani (che cede Aguilar al Cerro in cambio di Beltran) con Meza (Tucumán), Cañete (Libertad) e Oviedo (Colon). Non sta a guardare neppure quel Nacional Asuncion che gioca in Copa Sudamericana: la Academia riporta in patria Justo Villar (Colo Colo) e Caballero (Atlas), e prende ”nonno” Bonet (39 anni!) dal Capiatá (che acquista il colombiano Yuberney Franco dal Tigres FC) per sistemare le fasce.

Movimenti anche in Cile, e non solo per l’ufficialità di Pinilla all’U de Chile: al centro dell’attenzione anche Mark Gonzalez (svincolato dal Colo Colo), che si è offerto a una Universidad Catolica smantellata, che ha perso anche Maripan (Alaves) e Noir (Racing) dopo i giocatori citati nelle scorse puntate, e l’Union Española di Martin Palermo. La Furia Roja ha acquistato Carlos Munoz (Talleres) e Canales (Botafogo) al posto di Churin, e piazzato colpi in prospettiva come Christian Bravo (Granada) e Guillermo Hauche (Racing): acquisti interessanti per restare in vetta e lottare con U de Chile, Colo Colo (oggi si è dimesso il tecnico Guede) e Universidad Catolica, mentre il Deportes Iquique perde pezzi e ha ceduto anche Reynero (Atlante). Ah, a proposito di Cile: Medel-Tigres ancora in stallo, coi messicani che valutano anche i profili di Rafael Carioca (Atletico Mineiro) e Uribe (Atletico Nacional) come volante. Tre giocatori diversissimi, con cui c’è l’accordo economico ma manca la chiusura coi club: ne arriverà soltanto uno.

Il mercato si muove anche in Uruguay (se ve lo siete persi, il Pescara ha preso il giovane Elizalde dai Wanderers), col Peñarol scatenato dopo aver floppato in Libertadores: è tornato Walter Gargano dal Monterrey, ed è vicinissimo un acquisto bomba, con Maxi Rodriguez in trattativa coi manya dopo lo svincolo con lacrime dal Newell’s Old Boys per le pretese economiche/contrattuali. Un colpo che sarebbe assurdo a livello tecnico e mediatico, e che può fare il paio con l’investimento sulla punta che rimpiazzerà Arias: Esteban Paredes si allontana (sta rinnovando col Colo Colo), Ernesto Farias è un’idea, ma occhio alle sorprese. E in Perù, dove siamo ancora all’inizio, ma salutano Aquino (Sporting Cristal) ed Emanuel Herrera: il primo andrà al Monterrey, il secondo al neopromosso Lobos BUAP, scegliendo nuovamente il denaro e non la squadra. In Colombia invece si oscilla tra colpi e cessioni: l’Atletico Nacional ufficializza Ibarguen al Racing e Oscar Franco al già citato Nacional Asuncion, il Junior manda Alexis Perez al Queretaro e il Gent trova proprio in Colombia il sostituto di Foket (stop per problemi cardiaci: 6 mesi senza idoneità), comprando Deiver Machado dai Millonarios. Degni di nota gli acquisti di Andrade, che dallo Standard Liegi passa al Deportivo Cali, e di Ovalle, che si accasa al Deportes Tolima dopo la buona Libertadores con lo Zamora.

Un acquisto che testimonia lo smantellamento massivo in atto in Venezuela: la Furia Llanera manda anche Clarke al Boavista e il portiere Salazar al Deportivo Lara, mentre lo Zulia si supera cedendo Savarino (Real Salt Lake), Palomino (Deportivo JBL), Cuevas (svincolato) e Juan Arango, che torna ai NY Cosmos. Si distingue per i colpi il solo Caracas, che ritrova Alain Baroja e acquista Aristeguieta dal Nantes, e gli smantellamenti sono di casa anche in Bolivia: ne sa qualcosa lo Sport Boys, che dopo aver perso Messidoro (Boca e poi Cruzeiro), cede Melean al Jorge Wilstermann (che riporta in patria Pedriel dal Mersin Idman Yurdu) e Galindo allo Strongest, dove verosimilmente sostituirà Chumacero. Premio ”acquisto nostalgico”, infine, al Guayaquil City, ultima squadra entrata nel City Group: gli ecuadoriani riportano in patria il sempreverde (37 anni) Walter Ayoví, che stava giocando nel Monterrey e diventerà il veterano del club.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI