Radja Nainggolan non ci sta e ha ancora qualcosa da dire nei confronti del nuovo commissario tecnico della nazionale belga Roberto Martinez che, da quando siede sulla panchina dei “Diavoli Rossi“, non ha mai convocato il centrocampista giallorosso.

Fa molto scalpore la sua continua esclusione dalla nazionale visto la forza e le qualità che ha il numero 4 romanista ma, evidentemente, il tecnico spagnolo è di un’altra opinione nonostante sia stato un punto fermo degli scorsi Europei. Ecco le dichiarazioni del centrocampista giallorosso:

Ho conosciuto Martinez tempo fa ma avevo già capito che aveva in mente una squadra senza di me. Trovo molto strano la mia esclusione, diciamo che non l’ho capita; sto giocando e mi sento bene, la situazione è strana. La nazionale è tutto per ogni giocatore, rappresentare il proprio paese è il sogno di tutti, oltre che un privilegio. Sanno dove trovarmi in caso ma credo che non verrò convocato per le successive partite. Se non piaccio a Martinez, lo accetto ma vorrei che me lo dicesse lui.”

La domanda sorge spontanea: come si fa a non convocare uno dei centrocampisti più forti d’Europa? Un giocatore che, oltre ad essere un leader carismatico, è anche un leader tecnico? Sicuramente ne scopriremo di più di questo caso – Nainggolan, un giocatore sempre più ai margini di una nazionale che avrebbe bisogno della sua corsa.

di Michael Procopio (@Michael_Proc)

PER TUTTE LE NOTIZIE E GLI AGGIORNAMENTI, SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

Radja_Nainggolan_belgium