Partito Felipe Anderson nelle scorse settimane, la Lazio è alla ricerca di un degno sostituto: nelle ultime ore si sono fatti diversi nomi, spicca però tra tutti quello di Ramires, centrocampista brasiliano di proprietà dello Jiangsu Suning, salito alla ribalta con la maglia del Chelsea qualche stagione fa, club col quale è riuscito a vincere la Champions League nel 2012.

Oltre ai biancocelesti, sulle sue tracce ci sarebbero anche diverse squadre inglesi, prima fra tutte il Newcastle, ma al momento il club cinese non sarebbe disposto a trattare una sua cessione, per lo meno a condizioni sfavorevoli: secondo le indiscrezioni filtrate, pare che il calciatore abbia chiesto la rescissione dell’attuale contratto in scadenza nel dicembre 2019, mentre la dirigenza è intenzionata a rispettarlo, anche a costo di spedirlo in tribuna per il prossimo anno, a meno che non arrivi un’offerta davvero allettante che possa coprire, anche parzialmente, i 28 milioni di euro investiti qualche anno fa.

La situazione è in stand-by e rischia di rimanere tale, con i procuratori di Ramires, Joorabchian e Bertolucci pronti ad arrivare al braccio di ferro con lo Jiangsu Suning, a cui non è andato giù lo scorso gennaio il rifiutodi abbassarsi lo stipendio di 10 milioni di euro per permettere all’Inter di ingaggiarlo.