La Roma si “suicida” contro il Bate Borisov regalando tre gol nel primo tempo ai padroni di casa e tentando un’insperata rimonta nella ripresa.

Per la Roma non c’è niente da festeggiare, infatti la 100esima panchina giallorossa di Garcia è un incubo per il tecnico, che sbaglia completamente formazione. L’allenatore francese manda in campo una squadra scordinata e slegata, senza un briciolo di organizzazione tattica.

Di certo un’attenuante per Garcia possono essere i numerosi infortuni e il fatto che poteva contare solamente su 18 giocatori, ma non si spiega quella voragine sulla fascia destra, che nella prima frazione di gioco ha mandato a nozze il Bate. Proprio da quella fascia sono nati i gol dei bielorussi, di cui il secondo propiziato da una clamorosa papera di Szczesny.

Una volta sotto per 3-0, Garcia è corso ai ripari inserendo Iago Falque per uno spento Vainqueur e successivamente Torosidis per un anonimo Iturbe. Con un terzino di ruolo e Florenzi spostato a centrocampo, la Roma ha ritrovato magicamente equilibrio, andando alla ricerca della rimonta.

La Roma ci prova e al 66′ da un’azione tutta in velocità arriva il gol della speranza giallorossa. Salah – Falque – Gervinho e tiro vincente dell’ivoriano. I ragazzi di Garcia ci credono e una magia di Digne sulla fascia permette al pallone di arrivare al centro dell’area a Torosidis, che sigla la rete del 2-3. Alla Roma mancherebbe solo un gol per la clamorosa rimonta, ma il tiro di Florenzi si spegne solo sulla traversa.

Nella serata di Champions è mancato sicuramente Salah, che era stato uno dei maggiori protagonisti delle ultime giornate di campionate. L’egiziano, oltre a non essere mai riuscito ad entrate in partita, ha anche buttato alle ortiche la possibile palla del 2-3 prima del gol di Torosidis.

Garcia, dopo questa sconfitta e un’avvio di campionato non certo esaltante, è già sul banco degli imputati. Sui social i tifosi giallorossi hanno lanciato l’hashtag #GarciaVattene e ora anche in società iniziano a palesarsi i primi malumori.

Ora la partita da non sbagliare, che potrebbe decidere il futuro del tecnico giallorosso, sarà quella a Leverkusen con il Bayer. La Roma, infatti, è ultima nel suo raggruppamento dopo due giornate e se vuole avere qualche chance di passare il turno deve giocarsi il tutto per tutto con i tedeschi.

original