Se da una parte ci sono dei numeri 9 che sorridono, ad esempio Mauro Icardi, Piatek e Cristiano Ronaldo (non è un 9 classico, ma è di sicuro un attaccante da area di rigore), dall’altra ci sono una serie di centravanti che ancora non sono riusciti ad essere decisivi per le rispettive squadre.

DUVAN ZAPATA

Rispetto alle potenzialità ed alle attese è forse quello che, insieme a Belotti, ha più deluso in questo inizio di stagione. L’attaccante colombiano, arrivato questa estate dalla Sampdoria, è stato il grande colpo  per la squadra di Gasperini. Il classe 91′ arrivava dal miglior campionato disputato nella sua carriera grazie alle 11 reti in 31 partite giocate. Fino ad ora però Zapata non è riuscito ad incidere nella stagione dell’Atalanta, totalizzando 0 reti in 10 presenze in Serie A. Gasperini ha però tanta fiducia nell’ex Sampdoria ed è convinto che, una volta assorbiti i nuovi dettami di gioco, l’attaccante riuscirà a trascinare l’Atalanta nuovamente nelle zone alte della classifica.

ANDREA BELOTTI

L’involuzione che sta subendo il “Gallo” Belotti resta uno dei più grandi misteri sportivi degli ultimi anni. L’attaccante del Torino sembrava essere definitivamente esploso nella stagione 2016-2017 grazie alle 26 reti segnate in campionato. Quella stessa estate fu accostato al Milan, che sembrava essere disposto a versare nelle casse della società di Urbano Cairo il valore della clausola rescissoria: 100 mln di Euro. Durante la  scorsa stagione però l’attaccante classe 93′ ha deluso molto le aspettative chiudendo l’annata con soli 10 gol. L’andamento sembra che si stia confermando anche in questa stagione: solo due i gol fino a qui messi a segno dall’ex Palermo. Situazione che mette un pò in apprensione Walter Mazzarri, tecnico del Toro, le cui chance di portare il Torino in Europa passano sicuramente dai gol del suo numero 9.

GIOVANNI SIMEONE

Il “Cholito” sta vivendo un momento diametralmente opposto alla sua squadra. Mentre la Fiorentina continua ad ottenere ottimi risultati in campo e a ricevere i complimenti degli addetti ai lavori, il suo numero 9 ancora non è riuscito ad ingranare del tutto nel nostro campionato. Di sicuro non gli manca la grinta e la voglia di aiutare i compagni ma al numero 9 di una squadra si chiedono sopratutto i gol che, ancora, tardano ad arrivare con continuità. A 23 anni, comunque, Simeone ha ancora tutto il tempo davanti a sé per migliorare e diventare  un centravanti completo ed aiutare Stefano Pioli ed i suoi compagni a raggiungere un piazzamento europeo.

DIEGO FALCINELLI

“Diego si è fermato a Crotone”. Carlo Levi avrebbe sicuramente intitolato così una biografia avente come protagonista Diego Falcinelli. Il classe 1991 è stato l’eroe che due stagioni fa ha portato il Crotone di Davide Nicola ad una salvezza insperata. La sua carriera sembrava essere finalmente decollata tanto che il Sassuolo aveva deciso di puntare su di lui dopo aver ceduto Defrel alla Roma. Purtroppo in Emilia l’attaccante nato a Marsciano non ha rispettato le attese ed ha concluso la stagione in prestito alla Fiorentina. Questa estate è passato al Bologna di Filippo Inzaghi senza che però, fino ad ora, sia risultato decisivo nella corsa salvezza dei felsinei.