Una decima giornata all’insegna del gol soprattutto in quel Genova dove Genoa e Sampdoria mettono a segno ben 7 gol 4 per i Grifoni e 3 per i blucerchiati. Partiamo da sabato però dove Napoli e Roma si è giocata all’insegna della paura, 600 agenti per la sicurezza 400 steward per tenere il San Paolo sotto controllo, Higuain e Callejon  (sempre più capocannoniere) fanno volare Napoli su nel cielo dove sicuramente anche Ciro ha gioito per il suo Napoli.
Roma timida e distratta che perde l’aggancio alla vetta.

Salendo verso Empoli dove la capolista Juventus sbeffeggia due volte la neo promossa, la magia di Pirlo su punizione e ancora una volta un gran bel gol di Morata mettono il sigillo e fanno capire chi comanda (al momemto).

In serata c’è la gioia del Parma che si allontana pian piano dalla zona rossa della retrocessione e il tracollo Inter, la doppietta di De Ceglie fa così tornare i pensieri ad un Mazzarri che ormai non si sente più importante come i primi giorni di campionato. Lo fa capire anche la dirigenza è il silenzio di Thohir, tifosi nerazzurri sul piede di guerra contro tecnico e società,  invocano un ritorno di Mancini e una lavata di testa ai giocatori che proprio non riescono a trovare una continuità che manca da ormai tanto tempo.

Oggi però si apre con il primo punto di Maran sulla panchina del Chievo, infatti a Verona non si va oltre lo 0-0 partita noiosa senza palle gol importanti.

Alle 15 però comincia il valzer delle genoane, al Marassi Mihajlovic da una lezione di calcio all’amico Montella, apre Palombo raddoppia Rizzo.
La Fiorentina cerca di accorciare le distante con Savic ma Eder la chiude con un gol eccezionale in ripartenza chiuso da tre giocatori viola, ha la meglio e sigilla la partita.
Montella bocciato e conferma che la Fiorentina senza Rossi e Gomes non fa poi cosi paura.

L’altra genoana ad Udine ferma la cavalcata di Stramaccioni e Di Natale ben 4 i gol.
Illude Di Natale ma poi Marchese e Falque ribaltano il risultato.
Widmer pareggia i conti ma poi Matri e Kucka conquistano la vittoria al Friuli meritata.

Senza gol invece Torino – Atalanta con i granata che reclamano un rigore (netto) poi però partita con poche occasioni.

Stasera invece a San Siro il Milan di Pippo inzaghi proverà a portare a casa i 3 punti per agganciare la Samp sola al terzo posto, mentre Iachini dovrà dimostrare a Zamparini che il suo Palermo può competere con le grandi e allontanarsi così dalla zona Serie B.

Chiude invece la decima giornata Cesena – Verona e Lazio – Cagliari Mandorlini dovrà dare la scossa per tornare a vincere mentre Pioli ha voglia di continuare a far bene con la sua Lazio, e Lotito pensa già al rinnovo del suo tecnico.Serie-A

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.