Il calciomercato cosiddetto di riparazione si avvicina ed i rumors su possibili trasferimenti cominciano ad avvicendarsi. Sul banco degli imputati, ancora una volta, Daniele Rugani, giovane difensore bianconero accostato in passato a diversi club di prima fascia, come ad esempio il Chelsea di Maurizio Sarri che avrebbe fatto carte false pur di portarlo a Londra.

Gli intrecci estivi, complice la trattativa non semplicissima che ha riportato Bonucci a Torino con Caldara ed Higuain in rossonero, non hanno consentito alla Juventus di intavolare un colloquio sereno per la cessione del centrale di Lucca, che ha comunque costantemente manifestato la volontà di restare ben volentieri in bianconero. Ma stavolta qualcosa dev’essersi rotto: a testimonianza di ciò il post del padre Ubaldo che suona come una sentenza.

L’eccessiva concorrenza nel ruolo, infatti, non sta consentendo a Rugani di esprimersi con costanza; troppi forse cinque interpreti difensivi per un modulo che il più delle volte ne conta due in campo, con Barzagli primo cambio nella mente di Allegri e Benatia che scalpita per racimolare minutaggio.

Se anche nel recente passato è stato Davide Torchia, procuratore del giocatore, a ribadire la preferenza del suo assistito a rimanere alla Juventus, questa volta è stato egli stesso – come riportato dal Corriere dello Sport a recarsi a Roma, precisamente a Trigoria, per incontrare i dirigenti giallorossi, fortemente interessati al centrale bianconero.

Dialogo dunque avviato con l’agente del calciatore ma non ancora con la dirigenza bianconera, che ha in Fabio Paratici uno dei più fedeli sostenitori di Rugani, il quale, secondo il DS, rappresenterebbe il difensore futuro ideale per il club di Andrea Agnelli. Nonostante la trattativa non appaia affatto semplice, anche a fronte delle cifre rispedite al mittente dalla Juventus nell’agosto passato, Monchi proverà in breve tempo ad aprire uno spiraglio per trattare il difensore poco impiegato da Allegri, magari per tentare di accaparrarselo già nel prossimo gennaio.

D’altronde le contropartite tecniche da sfruttare non mancano, con in primis Manolas (che ha una clausola rescissoria di 36 milioni) ed a seguire Pellegrini (con clausola da 30 milioni), sui quali la Juventus è da sempre vigile.

E.Menegatti (@44gattdernesto)