Torna la Champions League e torna pure la Juventus. Per la terza giornata del gruppo D della massima competizione europea, all’Allianz Stadium di Torino, questa sera ore 21, andrà in scena la sfida tra Juventus e Lokomotiv Mosca. I bianconeri a quota 4 punti hanno l’obbligo di vincere per mantenere il primato, seppur grazie alla differenza reti rispetto all’Atletico, e per allungare proprio sui russi che al momento si trovano a quota 3 punti grazie al successo nel primo turno contro il Bayer Leverkusen.

I bianconeri devono fare i conti ancora una volta con alcune assenze, oltre a Chiellini e al solito De Sciglio, fuori ormai dalla sfida col Napoli, mancheranno ancora Douglas Costa e Ramsey alle prese con il fastidio muscolare avvertito nell’intervallo di Inter-Juve proprio prima della sosta. Tuttavia Maurizio Sarri nello scorso weekend ha ritrovato Danilo e dunque una scelta in più sia per le fasce offensiva sia per il tridente davanti con Cuadrado alleggerito della responsabilità di essere l’unica scelta per il ruolo di terzino destro.

Semin, tecnico della Lokomotiv, deve fare la conta dei disponibili in attacco, e dovrà dunque adattarsi alle esigenze adottando un 4-2-3-1 piuttosto mutevole, fino sembrare un 4-3-3 o un 4-5-1. Tra gli assenti spicca senz’altro Jefferson Farfan, il peruviano stella dei russi non è nemmeno partito con la squadra alla volta di Torino, in dubbio invece la presenza di Fedor Smolov. Assenti anche Anatolij Miranchuk e l’ex Samp Luka Djordjevic.

Sarri e Cristiano Ronaldo impegnati nella conferenza stampa della vigilia del match tra Juventus e Lokomotiv Mosca

JUVENTUS- Sarri opererà sicuramente 2 cambi rispetto alla vittoria casalinga col Bologna di domenica sera. Il tecnico toscano rispolvera Szczesny tra i pali, fresco di nomination al premio Yashin, in difesa la linea a 4 ormai classica dovrebbe essere confermata con Alex Sandro, de Ligt, Bonucci e Cuadrado. A centrocampo dovrebbe essere nuovamente il turno di Matuidi sul centrosinistra in luogo di un Adrien Rabiot comunque in crescita, davanti alla difesa ecco Miralem Pjanic e sul centrodestra dovrebbe agire Khedira. Davanti Cristiano Ronaldo, a caccia di nuovi record e del suo sesto Pallone d’Oro, è sicuro del posto, con lui Bernardeschi nel ruolo di trequartista e uno tra Dybala e Higuain, con la Joya favorito sul Pipita, anche se non è escluso l’utilizzo dei due argentini con Ronaldo dal 1′.

LOKOMOTIV MOSCA- Semin ridisegna la formazione per necessità essendo alle prese con una serie di infortuni nel reparto avanzato che lo privano di Farfan e mettono in dubbio la presenza di Smolov e Zhemaletdinov. In porta il brasiliano Guilherme, alla dodicesima stagione con i Ferrovieri, in difesa linea a 4 con Ignatjev a destra, al centro il capitano Vedran Corluka e l’ex meteora bianconera Benedikt Höwedes, mentre a sinistra al posto dell’assente Rybus, agirà il nigeriano Idowu. A centrocampo i due interni saranno Krychowiak, rinato nella capitale russa e Barinov. Dietro l’unica punta che dovrebbe essere, salvo sorprese, l’eroe portoghese di Euro2016 Eder, agiranno Alekseij Miranchuk, Murilo e Joao Mario.

 

Stefano F. Utzeri (@utzi_26)