Nata circa due mesi fa, sprofondata nel silenzio assoluto per riemergere negli ultimi giorni in maniera decisamente più concreta: in estrema sintesi è questa la cronistoria dell’operazione che, a meno di stravolgimenti dell’ultim’ora, si appresta a condurre João Cancelo a Manchester, sponda City.

Un addio per alcuni aspetti controverso quello del portoghese, giunto solo una stagione fa a Torino per una cifra di poco superiore a 40 milioni di euro, ma non del tutto inaspettato. Reputato forse troppo offensivo dal passato tecnico Massimiliano Allegri, considerato oggi da Maurizio Sarri un terzino che non rispecchia nella totalità le caratteristiche richieste. A ciò, con estrema probabilità, va ad aggiungersi una componente extra-campo che può aver convinto definitivamente la dirigenza a lasciar partire il classe ’94.

Altro aspetto non chiarissimo agli occhi dei più è l’inserimento da parte dei Citizens di Danilo Luiz da Silva, noto semplicemente come Danilo, terzino brasiliano di 28 anni reduce da annate non proprio esaltanti alla corte di Pep Guardiola che l’aveva voluto fortemente. Prelevato dal Real Madrid per circa 30 milioni nell’estate del 2017, il calciatore ambidestro mai ha replicato in Inghilterra le prestazioni offerte in terra spagnola, finendo così nel dimenticatoio.

Proposto subito dagli addetti al mercato del City, lo scambio più conguaglio a favore della Juventus non era stato in un primo momento ritenuto consono dai bianconeri, che chiedevano solo cash per il trasferimento di Cancelo in Premier League. La cifra richiesta, che si aggirava sui 55-60 milioni, non è mai stata soddisfatta dai Citizens, che hanno lasciato trascorrere tempo, salvo poi ripresentarsi a pochi giorni della chiusura del calciomercato con l’intenzione di chiudere definitivamente, con esito positivo, la trattativa; sul piatto 30-35 milioni più il cartellino di Danilo, il quale pare aver anche accettato una riduzione dell’ingaggio pur di agevolare il suo passaggio alla Vecchia Signora.

Dal canto suo, Cancelo, assistito da Jorge Mendes,  sembra aver già trovato la quadra col club di Manchester e si appresta ad osservare il termine delle interazioni tra le società, prima di indossare a titolo definitivo la casacca blu dei campioni d’Inghilterra. Il tempo stringe e tutto sembra collimare, con la netta sensazione che la transazione farà registrare un epilogo favorevole nelle ore seguenti la Community Shield, che andrà in scena il 4 agosto a Wembley ed avrà come protagonisti gli uomini di Guardiola contrapposti a quelli di Jürgen Klopp.

a cura di E.Menegatti (@44gattdernesto)