Quando tutto faceva immaginare un ritorno al Bayern Monaco per Mario Mandzukic, il club tedesco, secondo quanto riporta il quotidiano tedesco “BILD”, si è tirato indietro dalla trattativa che avrebbe dovuto riportare il centravanti croato in Baviera.

Mandzukic, 33 anni, aveva scelto, tra le varie opzioni presentatesi in questa finestra di mercato, di tornare nella squadra che lo aveva lanciato nel grande calcio europeo e con la quale nel 2013 aveva alzato da protagonista assoluto la Champions League. Le trattative tra bavaresi e Juventus erano ormai in stato avanzato, vista l’insistenza del tecnico Niko Kovac per avere ai suoi ordini il suo connazionale,
ma le valutazioni della dirigenza bavarese, che ha appena concluso l’acquisto di Philippe Coutinho e Mickael Cuisance, sembrano essere cambiate e le trattative per l’attaccante bianconero sono terminate con un nulla di fatto.

Dopo la sorprendente retromarcia del Bayern, sembra sempre più probabile la permanenza forzata di Mario Mandzukic alla Juventus.

Mandzukic, che ha rinnovato il contratto con la Vecchia Signora appena qualche mese, allungando il contratto fino al 2021 (il precedente accordo aveva validità solo fino al 2020) con relativo ritocco d’ingaggio al rialzo, era valutato tra i 10 e 15 milioni dai piemontesi che avrebbero messo a bilancio una mini-plusvalenza, visto che pesa ancora per circa 8 milioni nel bilancio dei bianconeri e avrebbero risparmiato oltre 5 milioni netti d’ingaggio annui.

Difficile ora immaginare una partenza del 33enne, arrivato nel 2015 dall’Atletico Madrid per 19 milioni più bonus. Nelle scorse settimane era stato lui stesso a rifiutare le lusinghe del Manchester United, mentre l’interessamento del Borussia Dortmund sembra ormai scemato dopo che il calciatore aveva dato precedenza al Bayern in caso di ritorno in Germania.

Insomma alla Continassa persiste per Fabio Paratici il problema degli esuberi.

 

Stefano F. Utzeri (@utzi_26)