Questa sera nella sfida che aprirà la trentacinquesima giornata di Serie A, la Juventus ospita all’Allianz Stadium il Torino per il derby della Mole numero 148 della storia. I bianconeri si sono aggiudicati, nei 147 precedenti, per 70 volte la vittoria, il doppio rispetto ai successi granata; in 42 occasioni il match si è concluso in parità.

Lo scorso anno allo Stadium non ci fu storia: poker degli uomini di Allegri grazie alla doppietta di Dybala e alle reti di Pjanic e Alex Sandro. La sfida si replicò, sempre in casa della Juve, anche ai quarti di Coppa Italia e fu deciso dai di Douglas Costa e Mandzukic. Il precedente più recente risale alla gara d’andata: a metà dicembre allo Stadio Olimpico Grande Torino c’è voluto un calcio di rigore di Cristiano Ronaldo per sbloccare e fissare sull’1-0 il punteggio di una sfida molto combattuta.

Il rigore calciato da Cristiano Ronaldo nella gara d’andata.

Rispetto alle sfide passate, quella di stasera sarà una gara molto diversa: il Torino è, difatti, in piena lotta per un posto in Champions League o in Europa League e sta attraversando un ottimo momento di forma, come dimostrato la scorsa domenica nel successo casalingo contro il Milan. Per la Juventus, con lo scudetto già cucito sul petto e gli obiettivi Champions League e Coppa Italia sfumati prematuramente, le unica motivazione può essere rappresentata dalla possibilità di raggiungere quota 100 punti, oltre al fatto che il derby è pur sempre il derby.

QUI JUVENTUS – Continuano ad essere quasi obbligate le scelte per Massimiliano Allegri, che è arrivato a questo punto della stagione con diversi infortunati. Oltre ai ‘soliti’ Perin, Mandzukic, Khedira, Dybala e Douglas Costa, si aggiungono all’elenco degli indisponibili anche Alex Sandro, Bentancur e Rugani, con quest’ultimo che ha qualche chance di recupero in vista della trasferta a Roma. Torna a disposizione, invece, Martin Caceres. L’undici iniziale dovrebbe, quindi, essere quello visto nelle ultime gare, con Szczesny tra i pali e la difesa a 4 composta dalla coppia titolare Bonucci-Chiellini al centro e Cancelo e Spinazzola sulle corsie esterne. A centrocampo, tutti i dentro gli unici tre a disposizione del mister: Pjanic vertice basso, Emre Can e Matuidi nel ruolo di mezz’ali. Anche davanti pochissimi dubbi: Cuadrado Bernardeschi agiranno a supporto di Cristiano Ronaldo. Non è da escludere l’impiego dal primo minuto di Moisè Kean, magari al posto di uno dei centrocampisti; in questo caso Cuadrado e Bernardeschi diventerebbero gli esterni di un 4-4-2, con Kean e CR7 terminali offensivi.

L’esultanza di Cristiano Ronaldo insieme a Bernardeschi e Spinazzola dopo il goal contro l’Inter. Tutti e 3 partiranno dal primo minuto questa sera.

QUI TORINO – Piccola emergenza in difesa per Walter Mazzarri, che con Moretti squalificato e Djidji infortunato, dovrà puntare sul 22enne Gleison Bremer per completare il terzetto difensivo davanti a Sirigu formato da N’Koulou Izzo. Per il resto, il tecnico toscano punterà sui titolarissimi: De Silverstri e Ansaldi esterni a tutta fascia del classico 3-5-2 di Mazzarri; torna dal primo minuto Baselli, che agirà in mezzo al campo insieme all’ex Rincon e a Meitè. Davanti, confermato Berenguer a supporto del gallo Belotti. Torna a disposizione l’altro ex Simone Zaza, protagonista in negativo della gara d’andata.

Capitan Andrea Belotti si è caricato sulle spalle i granata, trascinandoli verso l’obiettivo Europa.

Probabili formazioni

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Ronaldo, Bernardeschi. All: M. Allegri

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Bremer; De Silvestri, Baselli, Rincon, Meitè, Ansaldi; Berenguer, Belotti. All: W. Mazzarri

Arbitro: Daniele Orsato

TV: ore 20.30, Sky Sport Serie A

a cura di Marco Mincione (Twitter: @Mincix91)