Cardiff, 3 giugno 2017: una giornata all’insegna del buon calcio, all’insegna della sportività, Juventus vs Real Madrid, ma una sola alzerà il trofeo più prestigioso d’Europa, la Champions League. Tutto pronto, non manca davvero nulla. Più di quanto si poteva dire su questo giorno è stato detto e scritto, più di quanto si poteva immaginare è stato immaginato. Ma le potenze di fuoco che metteranno in campo 22 giocatori, i migliori, si sfidano anche sul versante economico: la finale di Cardiff sarà la più ricca di tutte le finali disputate. Secondo il Sole24ore, Juventus e Real, infatti, metteranno sul piatto un fatturato complessivo di circa 1 miliardo di euro, superando di fatto la grande finale del 2011 giocata al Wembley tra Barcellona (450 milioni) e Manchester (367 milioni).

Il divario tra le due grandi pretendenti al titolo più importante della stagione è netto: le entrate dei bianconeri, escluse le plusvalenze del calciomercato, sono di 341 milioni (bilancio 2016), mentre quelle delle merengues arrivano a quota 620 milioni. E non è finita qui: il Real ha messo nel mirino l’obiettivo di  arrivare a 1 miliardo di fatturato nei prossimi anni. Tutto è possibile: questa manovra è già iniziata grazie al restyling del Bernabeu, che sarà pronto per la stagione 2020-2021, con un costo previsto pari a 400 milioni, e l’accordo con Marka per il cambio dello stemma. Le intenzioni di Florentino Perez sono chiare e nitide: il Real Madrid sarà una potenza non solo calcistica ma anche economica, più di quanto lo è attualmente.

La Juventus, invece, concentrerà il proprio sforzo sull’area Continassa, area della periferia di Torino, dove a giugno aprirà i battenti il J Village, che sarà il cuore pulsante della Juventus, con la nuova sede, il nuovo centro sportivo, il media center, il J Hotel (base logistica per la squadra), una scuola internazionale, ed il Concept Store; si punterà anche sul merchandising, già in atto con il cambio dello sponsor tecnico (Adidas). E’ rilevante anche come la Juventus, attraverso Lagardere Sports and Entarteinment, abbia trovato un nuovo brand che darà il nome allo Stadium: dunque, non più Juventus Stadium, ma Allianz Stadium, dal nome del colosso tedesco delle assicurazioni. Nonostante questo divario economico, i bianconeri possono permettersi una rosa di 265 milioni (2016) contro i 354 del Real Madrid. Ma, ora, diamo spazio al campo, dove i numeri contano ma fino ad un certo punto.

a cura di Matteo Tombolini (@MatteoTomb)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI