La finestra di calciomercato di gennaio è alle porte e la Juventus ha iniziato a lavorare non tanto per quanto riguarda il mercato in entrata, nonostante potrebbe essercene bisogno particolarmente a centrocampo, ma soprattutto per blindare i suoi pezzi da 90.

La trattativa che sta tenendo banco più di tutte in casa bianconera è senza dubbio quella che riguarda il rinnovo di Alex Sandro, il cui contratto andrà in scadenza a giugno 2020. Sono mesi, infatti, che la dirigenza dei campioni d’Italia sta lavorando insieme al giocatore e al suo procuratore per rinnovo e ritocco dell’ingaggio, ma al momento sembra che le parti siano ancora distanti da un accordo definitivo.

Il terzino classe ’91 attualmente guadagna 2.8 milioni di euro e la sua richiesta alla società per il rinnovo e 6/7 milioni di euro a stagione. La Juventus, attualmente, non ha alcuna intenzione di accontentare questa richiesta formulata dal giocatore, ma è pronta ad offrire un contratto da 5 milioni di euro.

Il nodo della trattativa è proprio la questione economica: difatti, se il terzino della Selecao decidesse di non abbassare le sue pretese per il rinnovo contrattuale difficilmente si riuscirà a trovare un accordo. Dal canto suo, Alex Sandro sembra intenzionato a rimanere fermo sulle sue posizioni, consapevole del fatto che diversi top club sarebbero pronti ad assecondare le sue richieste economiche e a trattare con la Juventus l’acquisto del suo cartellino, il cui costo scenderebbe visto l’avvicinarsi della data di scadenza del contratto.

La trattativa fra le parti continuerà e sicuramente i bianconeri faranno il possibile per trattenere uno dei suoi uomini chiave. Verosimilmente entro la fine di questa stagione sia Alex Sandro che la Juventus definiranno la situazione in modo da poter programmare il futuro.

Per non farsi trovare impreparati in caso di eventuale addio del laterale brasiliano, i bianconeri stanno già visionando diversi profili: tra i nomi più caldi quello del connazionale Marcelo del Real Madrid, di Jordi Alba del Barcellona e degli spagnoli Grimaldo del Benfica e Gaya del Valencia.

a cura di Marco Mincione (Twitter: @Mincix91)