Definitivamente archiviata la storia con Paul Pogba dopo una lunghissima telenovela, è tempo per la Juventus di aprire seriamente la caccia al giocatore (o ai giocatori?) che andrà a sostituire quello che era un tassello importantissimo del centrocampo bianconero. Compito come sempre ingrato, soprattutto se il partente è uno dei migliori nel suo ruolo, ma Marotta e Paratici hanno preso di petto la sfida, ed effettivamente i nomi dei papabili sostituti sono tanti. Vediamo di capirci qualcosa.

Partiamo dal sogno più grande, quel Blaise Matuidi del PSG che è indicato da molti come il miglior rimpiazzo possibile per il suo connazionale. La questione è però molto delicata: Emery non ha alcuna intenzione di lasciarlo partire, considerandolo un giocatore molto importante per la squadra che ha appena ereditato da Laurent Blanc.
Voglio che i miei migliori giocatori non si muovano da qui, e Blaise Matuidi è uno di questi» le parole dell’ex allenatore del Siviglia. Ma c’è un ma: «La decisione, però, non spetta solo a me. Ci sono tre parti: il club, il giocatore e io. Bisogna vedere ciò che lui vuole, mentre il club deve valutare possibili offerte». Uno spiraglio ancora aperto che la Juventus sicuramente non mancherà di sfruttare, mentre continua il monitoraggio di un altro giocatore del club della capitale francese: si tratta di Adrien Rabiot, vecchio pallino dei bianconeri ma che per il momento rappresenta solo un’alternativa.

Passando agli altri nomi, sembra chiusa definitivamente la strada che poteva portare a Nemanja Matić: il Chelsea infatti, dopo che Antonio Conte ha convinto il serbo a restare con un colloquio privato, ha tolto il giocatore dal mercato. Segnale importante, difficilmente la Juve insisterà contro quello che sembra un vero e proprio muro.

Chiusa anche la storia Axel Witsel, forse: il belga ha infatti da poco dichiarato di voler rimanere un altro anno allo Zenit (l’ultimo, per il contratto attuale, ndr). Tenendo conto che il suo contratto è in scadenza e che perciò può essere ingaggiato a zero già a gennaio, difficile che Marotta e Paratici continuino a battere questa strada, almeno per ora.
Più di sfondo altri due nomi: Luiz Gustavo sarà trattato solo in caso di mancanza di alternative, mentre convince poco Mateo Kovačić.

di Luca Tantillo

Juventus