Franck Kessié è un guerriero instancabile: con ben 12 presenze da inizio stagione ad oggi, è uno dei Rossoneri più impegnati da Vincenzo Montella. Il centrocampista ivoriano del Milan, che ben ha impressionato nelle scorse stagioni fra le fila di Atalanta e Cesena, ha rilasciato un’interessante intervista a Il Corriere dello Sport, in vista del derby di domani.

Kessié non si dice stanco del fatto di giocare praticamente ogni 3 giorni: “Io più lavoro, più ho voglia di lavorare. Per me è normale, nel Cesena ho giocato 35 partite, l’anno scorso sono stato espulso e mi sono fermato a 32. E questa stagione voglio farne anche di più. Ricordando l’obiettivo. Il Milan mi ha chiamato per tornare in Champions. Questa è una nuova sfida per me, voglio essere all’altezza.”

Sulle differenze tra i Rossoneri e l’Atalanta: L’Atalanta gioca per restare in serie A, il Milan per vincere lo Scudetto. È chiaro che le pressioni siano maggiori, ma io non leggo niente, né giornali né social. Penso solo a lavorare, ci sono tanti compagni di livello che mi danno fiducia. E anche l’allenatore. Montella è un grande allenatore, perché prende tutte le pressioni su di lui e fa il bene della squadra.

Un commento, poi, sull’imminente gara di domani sera contro l’Inter: “Il derby va vinto, non importa se si gioca bene o male, va vinto in qualunque modo. Di loro, temo molto Perisic. Dei derby del passato ricordo soprattutto gol di Shevchenko. Se vinciamo vado a piedi da Milano a Milanello.”

Poi, il perché della sua esultanza: “Il saluto militare? Lo faccio in ricordo di mio padre, Alexi, che era un poliziotto, ma fu anche calciatore. Mi è rimasto impresso questo gesto perché, da bambino, quando qualcuno veniva a trovarci a casa, mio padre lo salutavano così.”

Sui suoi inizi calcistici e il suo Paese d’origine, la Costa d’Avorio: “Ho imparato a giocare a calcio per strada, a Ouragahio, da piccolissimo. Ho altri tre fratelli e tre sorelle più grandi, ma solo io faccio il calciatore. Quando torno provo a dare una mano ai ragazzi meno fortunati. Visito le strutture, porto libri, vestiti.”

Scopriamo, poi, cosa fa Kessié nel suo tempo libero: “Abito in zona San Siro. MI piace andare a giocare a bowling. Guardo molti film e i miei preferiti sono quelli della saga di Transormers.” 

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI